mercoledì 24 Aprile 2024

Persona infettata dall’influenza aviaria in Texas dopo il contatto con il bestiame

3 settimane ago

Epidemia di influenza aviaria colpisce il bestiame negli Stati Uniti

Un’epidemia di influenza aviaria colpisce le mucche da latte in sei stati degli Stati Uniti, con almeno 13 mandrie coinvolte. Il virus dell’H5N1, solitamente fatale negli uccelli, è stato individuato nei bovini statunitensi per la prima volta.

Primo caso di influenza aviaria in una persona in Texas

Una persona in Texas è stata diagnosticata con influenza aviaria dopo il contatto con mucche da latte presumibilmente infette. Il paziente, affetto principalmente da congiuntivite, è in cura con farmaci antivirali e si sta riprendendo con successo.

Il virus identificato è lo stesso sottotipo dell’H5N1 presente negli uccelli del Nord America. Gli scienziati smentiscono l’acquisizione delle mutazioni per la trasmissione tra esseri umani. Secondo gli esperti, il rischio per il pubblico è basso ma l’epidemia di influenza aviaria preoccupa per la sua diffusione.

Cos’è l’influenza aviaria e il virus H5N1

L’influenza aviaria è causata da virus influenzali adattati agli uccelli, come l’H5N1. Emergente nel 1996 in Cina, ha impattato anche gli esseri umani a Hong Kong nel 1997. Nel 2020, una nuova versione altamente patogena ha colpito milioni di uccelli in tutto il mondo, incluse mucche negli USA.

La trasmissione all’uomo è principalmente tramite contatto diretto con uccelli. L’H5N1 al momento non si diffonde efficientemente tra le persone, secondo gli esperti.

Le mucche colpite dall’influenza aviaria

Inaspettatamente, mucche in Texas e New Mexico sono state colpite dall’influenza aviaria quest’anno. Test di laboratorio hanno confermato l’infezione, rivelando la sensibilità di tali animali al virus. La novità preoccupa esperti e agricoltori.

La diffusione del virus dell’influenza aviaria

La Texas Animal Health Commission ha confermato che anche tre gatti sintomatici sono risultati positivi al virus, dimostrando la sensibilità dei felini all’infezione quando cacciano o consumano uccelli infetti.

Come il virus ha colpito le mucche

Sebbene il virus sia spesso letale per gli uccelli, sembra causare malattie lievi nelle mucche, in particolare negli esemplari anziani. Secondo il dottor Joe Armstrong, esperto di produzione bovina, le mucche si stanno riprendendo dai sintomi che includono perdita di appetito e febbre lieve.

L’USDA ha dichiarato che attualmente non c’è alcun piano per “spopolare” o uccidere le mandrie colpite dal virus, poiché le mucche presentano sintomi lievi e si riprendono dalla malattia.

L’identificazione del problema

Il virus dell’influenza aviaria ha infettato 12 allevamenti fino ad oggi, con casi confermati in Texas, Kansas, Michigan, New Mexico, Idaho e Ohio. Il virus è stato riscontrato solo nelle mucche da latte finora, ma potrebbero esserci altre mandrie infette non ancora individuate.

Il trasferimento del bestiame tra gli stati potrebbe aumentare il rischio di diffusione del virus in nuove zone. Ad esempio, un allevamento in Michigan ha importato mucche infette dal Texas, evidenziando la possibilità di trasmissione inaspettata del virus.

Diffusione dell’influenza aviaria tra le mucche

Le mucche infette potrebbero contrarre il virus in modo indipendente se le fonti di cibo o acqua sono contaminate. Tuttavia, c’è preoccupazione per la possibilità di trasmissione diretta da mucca a mucca, come sottolineato dall’USDA.

Scienziati come il dottor Gregory Gray ritengono che la trasmissione tra mucche sia plausibile, considerando la rapidità con cui il virus si sta diffondendo. Questo scenario potrebbe portare a epidemie più ampie e prolungate, aumentando il rischio di mutazioni pericolose.

Il caso umano di influenza aviaria H5N1

Il secondo caso di influenza aviaria H5N1 negli Stati Uniti coinvolge una persona che ha lavorato con mucche da latte infette. Secondo il Dipartimento dei servizi sanitari del Texas, il virus presenta mutazioni che possono agevolarne la trasmissione tra le persone, sebbene siano necessari ulteriori cambiamenti evolutivi.

Attualmente, il CDC sta monitorando le persone che potrebbero essere entrate in contatto con animali infetti e sta raccomandando di evitare esposizioni a uccelli, animali malati e materiali contaminati, come latte crudo o feci.

Monitoraggio e prevenzione

Gli esperti stanno analizzando le sequenze genetiche del virus negli uccelli, nelle mucche e nelle persone infette per valutare il rischio di trasmissione interspecifica. Finora, l’H5N1 non sembra diffondersi efficientemente tra le persone, ma il monitoraggio è cruciale per prevenire eventuali adattamenti pericolosi.

Studi passati hanno dimostrato la capacità dell’H5N1 di diffondersi tra furetti, un modello per la trasmissione ai mammiferi. È essenziale mantenere elevati standard di igiene e monitoraggio per evitare potenziali scenari di trasmissione interspecifica.

Mutazioni del virus dell’influenza aviaria

Un uomo cileno è stato infettato da un ceppo di influenza aviaria con mutazioni adattative ai mammiferi. Tuttavia, gli esperti sottolineano che non è ancora chiaro se tali mutazioni possano favorire la trasmissione tra esseri umani.

Sicurezza dei latticini

I funzionari federali confermano la sicurezza del latte pastorizzato, sottolineando il controllo sulla qualità e l’assenza di pericoli derivanti da animali malati. La Food and Drug Administration garantisce l’efficacia della pastorizzazione nel neutralizzare virus e batteri potenzialmente presenti nel latte.

La dottoressa Gail Hansen ritiene basso il rischio legato al consumo di latte, ma non esclude la possibilità di contaminazione. Esistono incertezze riguardo alla capacità di diverse temperature di pastorizzazione nel neutralizzare virus specifici, come quello dell’influenza aviaria.

La FDA sottolinea che il consumo di latticini non pastorizzati o crudi comporta rischi sconosciuti di contrarre la malattia, oltre a potenziali complicazioni legate ad altri agenti patogeni presenti nel latte non trattato.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.