mercoledì 22 Maggio 2024

Quanta acqua c’è nella crosta terrestre?

2 mesi ago

Una scoperta sorprendente riguardo l’acqua nella crosta terrestre

Uno studio recente ha svelato che la maggior parte dell’acqua sulla Terra si trova nel sottosuolo, piuttosto che nei ghiacciai o negli oceani. Scopriamo insieme quanti milioni di chilometri cubi di acqua si nascondono sotto la superficie terrestre.

Le cifre dell’acqua nella crosta terrestre

Grant Ferguson, idrogeologo all’Università del Saskatchewan, ha condotto lo studio del 2021 che ha rivelato la presenza di circa 43,9 milioni di chilometri cubi di acqua nella crosta terrestre. Un dato sorprendente se confrontato con le riserve d’acqua presenti nei ghiacciai dell’Antartide, Groenlandia e altrove nel mondo.

Secondo la ricerca, le acque sotterranee costituiscono il più grande serbatoio d’acqua globale, superando persino la quantità di acqua negli oceani. Una scoperta che rivoluziona la nostra percezione delle risorse idriche a nostra disposizione.

Approfondimento sulle acque sotterranee profonde

Gli studi precedenti avevano valutato le acque sotterranee solo nelle prime due miglia della crosta terrestre, trascurando la presenza di rocce più porose come le sedimentarie. Lo studio del 2021 ha esteso la ricerca fino a 10 km di profondità, raddoppiando virtualmente le stime precedenti sull’acqua nascosta sotto di noi.

Ferguson ha sottolineato che la crosta terrestre può contenere acqua fino a una profondità di 6,2 miglia, concentrando l’analisi sulle rocce superiori più porose. Oltre questa soglia, la crosta diventa meno permeabile, riducendo la presenza di acque sotterranee utilizzabili.

Uso e importanza delle acque sotterranee

Mentre le falde acquifere superficiali sono sfruttate per uso umano, le acque sotterranee profonde, prevalentemente salate, rimangono inaccessibili per l’estrazione. Comprendere la distribuzione e la quantità di queste risorse è cruciale per una gestione sostenibile delle acque dolci e salate a disposizione del pianeta.

Le acque sotterranee profonde: un tesoro di informazioni

Le acque sotterranee profonde, in gran parte isolate dal resto dell’acqua del pianeta, offrono preziose informazioni sul passato della Terra, secondo lo studio del 2021 di Ferguson.

Il relativo isolamento di queste acque ha consentito a salamoie di restare intrappolate per periodi estremamente lunghi, aprendo nuove prospettive di ricerca scientifica.

Una frontiera sconosciuta per la scienza

Le acque profonde, a profondità superiori a pochi chilometri, rappresentano un’area di frontiera per la scienza, secondo le osservazioni di Ferguson.

Le antiche acque sotterranee potrebbero anche sostenere ecosistemi microbici ancora attivi oggi, offrendo spunti su come si è evoluta la vita sulla Terra e su altri mondi con acqua in profondità.

Un mondo ancora da esplorare

Jennifer McIntosh, idrogeochimica dell’Università dell’Arizona e coautrice dello studio del 2021, evidenzia l’importanza di esplorare le acque a chilometri di profondità sulla Terra e su altri pianeti per svelare nuove scoperte scientifiche.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.