venerdì 24 Maggio 2024

Questi “filmati” di proteine ​​in azione rivelano la biologia nascosta delle cellule

2 mesi ago

La scoperta della biologia nascosta delle cellule grazie ai “filmati” di proteine in azione

Sin dagli anni ’50, gli scienziati hanno studiato il funzionamento dei muscoli, focalizzandosi sulla proteina miosina che agisce sui filamenti di actina. Recenti scoperte mostrano il fugace stato pre-ictus, rivelando dettagli insoliti.

Un momento mai visto prima

La tecnica di biologia strutturale chiamata microscopia crioelettronica consente di catturare momenti molecolari transitori, come il pre-ictus della miosina, che dura pochi millisecondi nelle cellule viventi, aprendo nuove prospettive nella ricerca biologica.

Una scoperta rivoluzionaria

I ricercatori, utilizzando la crioelettronica, hanno confermato teorie vecchie di decenni e risolto dibattiti scientifici sulla coordinazione delle azioni molecolari. Questa nuova tecnologia ha permesso di ottenere immagini in movimento che svelano i meccanismi della vita, aprendo strade nella ricerca biologica.

Un nuovo approccio alla biologia strutturale

La microscopia crioelettronica sta trasformando la ricerca biologica, consentendo di visualizzare movimenti molecolari sottili in tempo reale e di comprendere meglio i processi cellulari fondamentali, come la segnalazione cellulare e le interazioni molecolari complesse.

Prossimi passi nella ricerca

I ricercatori stanno esplorando nuovi fronti, come l’attivazione di recettori cellulari e le macchine molecolari coinvolte in processi chiave come la modifica genetica e la segnalazione cellulare. La tecnologia crioelettronica fornisce un’opportunità unica di ottenere una visione dinamica dei processi biologici.

La rivoluzione nell’imaging molecolare: una nuova visione della vita

Uno studio recente ha dimostrato che tutti e quattro gli zoccoli di un animale lasciano il terreno contemporaneamente, un fenomeno impercettibile all’occhio umano.

Le biomolecole in movimento: una nuova prospettiva

Le biomolecole, diverse dalle rocce, sono più simili alla gelatina, costantemente in movimento nell’acqua. Questa dinamicità sfida le immagini statiche fornite dalla cristallografia a raggi X e dalla crio-EM.

La sfida della struttura e della funzione proteica

La struttura proteica catturata dagli studi strutturali fornisce solo indizi parziali sulla vera funzione delle molecole. Gli stati fugaci richiedono tecniche come la crio-EM, che permette di catturarli dopo un’attenta preparazione.

Catturare l’istante: una sfida tecnologica

La crio-EM offre istantanee di molecole congelate in un momento preciso. La tecnica di congelamento richiede precisione per catturare reazioni chimiche e strutture intermedie fondamentali.

L’innovazione nel catturare la dinamica molecolare

Joachim Frank ha sviluppato un chip microfluidico per catturare reazioni molecolari specifiche prima di congelarle con la crio-EM. Questa tecnologia apre nuove prospettive nello studio delle biomolecole.

Studi di caso: HflX nell’azione molecolare veloce

Il team di Frank ha utilizzato il chip per studiare l’enzima HflX, che aiuta a riciclare i ribosomi bloccati. Le immagini a 140 millisecondi hanno mostrato come l’enzima svolge questa importante funzione.

Scoperte nell’ambito delle strutture proteiche

Un recente studio ha rivelato l’azione di un enzima che spezza i ponti molecolari di un ribosoma in modo ordinato, suscitando sorpresa tra gli scienziati.

Ulteriori approfondimenti sulle dinamiche proteiche

Ricercatori hanno utilizzato un chip microfluidico per studiare il movimento della miosina e hanno scoperto novità sul motore molecolare.

Studio dei processi moleculari

Con la crio-EM risolta nel tempo, gli scienziati stanno esplorando le dinamiche molecolari della miosina per comprendere meglio le malattie cardiache.

Innovazioni nella ricerca proteica

Gli studiosi adottano diversi metodi, come l’approccio “spray and mix” e l’utilizzo di impulsi laser, per ottenere informazioni dettagliate sulle strutture proteiche.

Approcci e sfide nel campo della ricerca proteica

Le varie tecniche hanno vantaggi e limitazioni: l’approccio spray e mix è efficace con campioni minimi, mentre i sistemi a impulsi laser offrono prospettive interessanti.

La Rivoluzione della Criomicroscopia Elettronica a Trasmissione (crio-EM)

La crio-EM sta rapidamente affermandosi come tecnica rivoluzionaria nella biologia strutturale, consentendo di risolvere strutture molecolari con dettagli senza precedenti, fino a un decimo di microsecondo rispetto ad altre tecnologie.

Sfide da Superare per l’Implementazione

Nonostante i progressi, la tecnologia crio-EM risolta nel tempo non è ancora pronta per essere ampiamente implementata. Attualmente mancano fornitori commerciali, limitando le possibilità di utilizzo su vasta scala, come sottolineato da esperti del settore.

In particolare, secondo Holger Stark, biologo strutturale dell’Istituto Max Planck per le Scienze Multidisciplinari, le attuali forme di crio-EM potrebbero trovare applicazioni in macchine molecolari che operano con movimenti su larga scala, come il ribosoma, ma occorre ancora tempo per rendere la tecnologia universalmente accessibile.

Prospettive e Applicazioni Future

Pur con le limitazioni attuali, i ricercatori si stanno concentrando su interessanti sfide da affrontare utilizzando la crio-EM risolta nel tempo. Ad esempio, studi su enzimi come il Cas9 per potenziare l’editing genetico CRISPR sono in corso, con potenziali implicazioni nella creazione di sistemi di editing genetico più efficienti.

Inoltre, sia mediante l’utilizzo di nuove tecniche come la fusione laser sia lo studio di recettori come il β-adrenergico, i ricercatori stanno aprendo le porte a nuove scoperte sulla dinamica molecolare e sulla trasmissione dei segnali nelle cellule.

Rivoluzione Nascosta della Biologia Invisibile

Studiando virus vegetali, recettori µ-oppioide e molecole di ingresso virale come la proteina dell’involucro dell’HIV, i ricercatori stanno gettando luce su processi moleculari che fino ad ora sono rimasti invisibili. Le intuizioni offerte da queste ricerche promettono di aprire nuove prospettive sulla biologia molecolare, ampliando la nostra comprensione del funzionamento dei sistemi biologici.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Don't Miss

Chi renderà AlphaFold3 open source? Gli scienziati corrono per decifrare il modello di intelligenza artificiale

AlphaFold3: Una Corsa per Decifrare il Modello di Intelligenza Artificiale Google DeepMind

È un panino gigante? No, è il più grande disco protoplanetario del cielo

Il gigante nel cielo: Chivito di Dracula Un’imponente scoperta nel cielo: Chivito