domenica 19 Maggio 2024

Rene di maiale trapiantato in un paziente umano per la prima volta in assoluto

2 mesi ago

Una scoperta medica rivoluzionaria

Un uomo del Massachusetts ha fatto la storia come primo ricevente di un trapianto di rene di maiale, un passo rivoluzionario per risolvere la carenza di organi umani per i trapianti.

Esperimenti precedenti e sfide superate

Precedentemente, erano stati eseguiti esperimenti con organi di maiale, inclusi tentativi di collegare un rene a un donatore in coma e di un trapianto doppio, oltre al primo trapianto di cuore di maiale nel 2022.

Il primo trapianto riuscito

Il Massachusetts General Hospital ha condotto con successo il primo trapianto di rene di maiale su un paziente di 62 anni, Richard Slayman, che si riprende bene dopo l’operazione di quattro ore.

Una speranza per tanti

Slayman, affetto da diabete di tipo 2 e ipertensione, aveva subito un trapianto di rene nel 2018, ma l’organo trapiantato mostrava segni di cedimento. Dopo aver affrontato gravi complicazioni, ha accettato l’innovativa procedura.

Una decisione di vita o di morte

Data la sua situazione critica, l’opzione del rene di maiale è emersa come un’alternativa vitale. Dopo aver valutato i rischi con i medici, Slayman ha scelto di procedere con il trapianto.

Maiali ingegnerizzati per trapianti umani

L’azienda in questione ha sviluppato organi ingegnerizzati compatibili con l’uomo, utilizzando il sistema di editing genetico CRISPR.

Modifica genetica dei maiali

Gli scienziati stanno modificando i geni dei maiali per renderli adatti al trapianto in esseri umani.

Trapianto di rene di maiale

Presso il Massachusetts General Hospital è stato eseguito con successo il primo trapianto di rene di maiale geneticamente modificato in un essere umano vivente.

Obiettivo dei trapianti

L’obiettivo di questa ricerca è rendere disponibili organi per trapianti umani, riducendo la lista di attesa e salvando vite.

Impatto sulla medicina

Questa innovazione potrebbe rivoluzionare la medicina e portare a nuovi trattamenti per gravi malattie.

Trapianti con organi suini modificati geneticamente: la svolta medica

Scienziati eliminano geni nei maiali coinvolti nella produzione di zuccheri, che il sistema immunitario umano attacca. Fondamentale l’aggiunta di geni umani capaci di prevenire reazioni immunitarie avverse nei trapianti. Anche disabilitazione di parti di DNA virale.

Modifiche al DNA animale e prospettive future

Complessivamente, 69 modifiche al DNA del maiale sono apportate dagli esperti. I trapianti comportano trattamenti specifici come anticorpi e farmaci immunosoppressori per evitare il rigetto dell’organo. L’obiettivo è rendere comuni tali procede nel prossimo futuro.

Un futuro senza dialisi?

Secondo il Dott. Leonardo Riella del Mass General, la dialisi potrebbe presto diventare obsoleta grazie a tali avanzamenti. L’intervento di successo di Slayman rappresenta un passo avanti, anche per affrontare le disuguaglianze nell’accesso ai trapianti.

Equità nella salute e soluzioni innovative

L’abbondante disponibilità di organi grazie agli animali geneticamente modificati potrebbe contribuire a garantire parità di trattamento per tutti i pazienti. Una soluzione come un rene ben funzionante potrebbe rivoluzionare il settore sanitario e risolvere problemi come l’insufficienza renale.

Conclusioni

Questo articolo fornisce informazioni cruciali su trapianti con organi suini modificati geneticamente, aprendo prospettive innovative nel settore medico con potenziali benefici per molti pazienti. L’obiettivo è superare le sfide attuali e promuovere la salute e l’equità nell’accesso alle cure.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.