mercoledì 22 Maggio 2024

Rivelati i prodotti chimici che fanno sì che i bambini abbiano un odore dolce e che gli adolescenti abbiano un odore “carino”.

2 mesi ago

Le scoperte sulla biologia dei profumi infantili e adolescenziali

Un recente studio ha rivelato le sostanze chimiche responsabili degli odori dolci dei neonati e dei “carini” degli adolescenti. I risultati mostrano una differenza significativa tra i due gruppi d’età.

Metodologia di ricerca innovativa

Nello studio, 18 neonati e 18 adolescenti hanno indossato magliette con dischetti di cotone sotto le ascelle, campionando così le sostanze odorose. L’analisi è stata condotta attraverso la gascromatografia, che ha permesso di identificare e separare gli odori presenti.

Comprendere i componenti degli odori

Sono stati rilevati 42 odoranti, con diversi gruppi di sostanze che emettono aromi unici. L’autrice principale dello studio, Helene Loos, ha sottolineato la varietà e la complessità dei composti identificati, tra cui le aldeidi che producevano odori come “simili a cartone” e “nocciola”.

Analisi approfondita degli odori infantili e adolescenziali

La ricerca ha evidenziato la relazione tra i profumi emessi dai neonati e dagli adolescenti, offrendo spunti interessanti sul ruolo del profumo nelle relazioni familiari e sociali. L’identificazione delle sostanze chimiche coinvolte potrebbe portare a nuove scoperte nel campo della biologia dei profumi umani.

La variazione degli odori corporei tra l’infanzia e la pubertà

Uno studio ha rivelato che il complesso di odori corporei (BO) tra bambini e adolescenti presenta differenze significative. Le sostanze chimiche rilevate variavano da piacevoli a sgradevoli, con alcuni odori tipici della pubertà.

I due gruppi presentavano differenze nella presenza di acidi carbossilici e steroidi. Gli adolescenti emettevano odori di sabbia e orinatoi, assenti nei bambini. Tale variazione potrebbe essere legata a cambiamenti cutanei e ormonali durante la crescita.

Le ricerche indicano che le modifiche nel BO possono derivare da alterazioni cutanee, cambiamenti ormonali, variazioni nel microbioma cutaneo e attività delle ghiandole sudoripare e sebacee. Tuttavia, resta incerto quale di questi fattori sia determinante.

Impatti e ricerche correlate

Ulteriori studi dovrebbero approfondire il legame tra odori corporei e cambiamenti fisiologici durante lo sviluppo. Esplorare come questi odori possano influire sulle relazioni sociali e sull’autostima dei giovani potrebbe essere una direzione interessante di ricerca futura.

Metodologia di studio e considerazioni

Lo studio ha prestato attenzione a evitare contaminazioni esterne, ma è emerso che alcuni odori presenti nei campioni BO erano anche nelle forniture fornite. È quindi necessario valutare meglio come tali contaminazioni possano aver influito sui risultati.

I ricercatori hanno adottato misure per ridurre il rischio di contaminazioni esterne, ma la presenza di odori simili nelle forniture fornite solleva interrogativi sull’impatto di queste sostanze sui risultati dello studio.

Per escludere possibili influenze esterne, ai partecipanti è stata fornita una maglietta mai indossata da lasciare nella stanza di analisi, evidenziando la complessità nel separare gli odori presenti nell’ambiente dai profumi corporei naturali.

Scoperte sulla provenienza delle magliette mai indossate

Un recente studio ha rivelato che non è chiaro se le magliette analizzate provenissero dai partecipanti o da un’altra fonte. La ricerca solleva interrogativi sulla provenienza dei capi e sull’attendibilità dei risultati ottenuti.

Sostanze chimiche e l’odore di aceto

Alcune sostanze chimiche precedentemente associate all’odore corporeo non sono state rilevate nello studio, compreso l’acido acetico che conferisce all’aceto il suo profumo caratteristico. Questo potrebbe dipendere dalle limitazioni dello studio in termini di campione analizzato o dalla sensibilità delle tecniche di rilevamento utilizzate.

Approfondimenti futuri sullo studio dell’odore corporeo

Loos e il suo team prevedono di usare approcci diversi per esaminare una gamma più ampia di odori e studiare come varia l’odore corporeo in diversi gruppi di età, inclusi gli anziani. Inoltre, desiderano esplorare l’odore corporeo in condizioni come post-esercizio fisico o dopo variazioni nel sonno.

Invio di domande sulla fisiologia umana

Se hai domande sulla fisiologia umana, come il motivo per cui alcune persone sviluppano muscoli più facilmente di altre o perché compaiono lentiggini al sole, inviale a community@livescience.com con oggetto “Health Desk Q”. Potresti vedere la tua domanda rispondere sul sito web!

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.