Scoperto che i “cuccioli di drago” sotterranei possono sgattaiolare in superficie

2 mesi ago

Salamandre cieche delle caverne dell’Italia settentrionale emerse in superficie

Gli scienziati hanno scoperto che le salamandre cieche delle caverne dell’Italia settentrionale escono dalle loro dimore sotterranee per avventurarsi in superficie.

Raoul Manenti, professore di zoologia all’Università di Milano, insieme ai colleghi, ha riportato l’incredibile scoperta di queste creature in un recente studio pubblicato sulla rivista Ecology.

Una specie chiamata olmi, anticamente associata ai cuccioli di drago

In passato, si pensava che le salamandre, conosciute come olmi, fossero simili a cuccioli di drago. Queste creature, sebbene non dotate di ali, mantengono un aspetto mitico e affascinante.

Con corpi simili ad anguille e zampe affusolate, le salamandre hanno volti privi di tratti distintivi, fatta eccezione per una corona di branchie rosa. Quando emergono dall’uovo, la pelle copre rapidamente i loro occhi, rendendoli ciechi.

Essendo creature adattate all’oscurità, le salamandre si orientano rilevando vibrazioni, sostanze chimiche e campi magnetici nell’acqua. Rischiose prede per i predatori, questi animali sono noti per la longevità e l’efficienza energetica, come dimostra un esemplare balcanico fermo per sette anni.

Una scoperta stupefacente: le salamandre delle caverne in superficie

Contrariamente alle convinzioni degli scienziati, alcune salamandre si sono avventurate in superficie nel corso dei secoli, apparentemente oltrepassando i confini delle loro dimore sotterranee.

Un gruppo di speleologi ed ecologisti, includendo il dottor Manenti, ha osservato un olmo in superficie nel 2020, attraversando una sorgente all’aperto. La sorpresa è stata generale.

Studi approfonditi sul comportamento delle salamandre emerse

Veronica Zampieri, ex dottoranda dell’Università degli Studi di Milano, ha monitorato diverse sorgenti superficiali della regione, rilevando la presenza di salamandre anche in assenza di inondazioni.

Zampieri ha osservato le salamandre visitare le sorgenti sia di giorno che di notte, contrariamente alle aspettative. Secondo la ricercatrice, sebbene in superficie siano vulnerabili, sottoterra queste creature dominano come predatori.

Il mistero del comportamento inaspettato degli olmi

Il dottor Manenti ha condotto analisi forensi insolite per comprendere il motivo di questa insolita apparizione in superficie delle salamandre cieche delle caverne.

Durante le indagini sulla popolazione, gli scienziati hanno catturato brevemente gli olmi per studiarne il comportamento, cercando di svelare il mistero della loro presenza in superficie.

Scoperta sorprendente: gli Olmi, creature misteriose

Secondo il dottor Manenti, gli olmi, creature misteriose che abitano le profondità delle grotte sotterranee, possono trovarsi in situazioni insolite quando vengono maneggiati, ingerendo accidentalmente aria che li fa galleggiare in superficie.

Per risolvere questa situazione, il dottor Manenti afferma che è necessario far “ruttare” gli olmi, massaggiando delicatamente le loro pance per farli liberare l’aria ingerita. A volte, durante questo processo, gli olmi espellono parti di lombrichi, suggerendo un’attività di caccia in superficie.

Implicazioni ecologiche

L’ecologista Danté Fenolio ha sottolineato l’importanza della scoperta degli olmi nel mettere in discussione le conoscenze attuali sulle specie delle grotte. La scoperta potrebbe ispirare ulteriori ricerche sulle salamandre delle caverne negli Stati Uniti.

La Zampieri, a proposito, ha evidenziato l’importanza ecologica delle sorgenti, che rappresentano un punto di incontro tra due mondi differenti.

Uno sguardo più approfondito

Un particolare episodio del 2022 ha permesso al dottor Manenti di osservare da vicino un olmo larvale, il più piccolo mai trovato sul campo. Questo esemplare, lungo appena quanto una spilla da balia, indicava la possibilità che gli olmi si spostino fino alle sorgenti per riprodursi.

Secondo il dottor Manenti, il confine tra il sottosuolo e la superficie è un concetto umano, trascurando il modo in cui gli olmi interagiscono con l’ambiente circostante.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.