domenica 19 Maggio 2024

Scoperto lo “stato di flusso”: finalmente sappiamo cosa succede nel cervello quando sei “nella zona”

2 mesi ago

Il mistero dello “stato di flusso” svelato: un viaggio nel cervello in “modalità zona”

Esperienze di flusso, o “essere nella zona”, coinvolgono totale coinvolgimento in un’attività, con il mondo attorno che svanisce. Regni come lo sport, l’arte e la scrittura ne sono spesso ricchi, ma cosa accade nel cervello è stato a lungo un mistero.

Una scoperta rivoluzionaria

Uno studio pubblicato su “Neuropsicologia” ha finalmente gettato luce su questa mente in “modalità flusso”. Gli scienziati, attraverso scansioni cerebrali, hanno identificato le aree coinvolte in questo stato creativo, sfatando e confermando teorie passate.

Le due ipotesi in gioco

Le reti cerebrali coinvolte nel flusso sono la Default Mode Network (DMN) e la rete di controllo esecutivo (ECN), entrambe importanti per processi creativi e di risoluzione dei problemi. La loro interazione dinamica sembra essere chiave.

Teorie a confronto

Due principali teorie emergono: una suggerisce iperconcentrazione nel flusso, mentre l’altra ipotizza un bilanciamento delle reti cerebrali. Entrambe offrono spunti utili per comprendere meglio la natura di questo stato così affascinante.

Attività cerebrale durante lo stato di flusso

Secondo il professor Dimitri van der Linden, l’attività dell’ECN guida il DMN a mantenere la concentrazione su un compito per generare idee rilevanti. Questo implica un’interazione tra attenzione e creatività durante lo stato di flusso.

Flusso e produzione creativa

Van der Linden sottolinea che l’attività del DMN è cruciale per la produzione creativa durante lo stato di flusso. Questa interazione tra ECN e DMN contribuisce alla generazione di idee e all’improvvisazione, essenziali in contesti creativi.

Teoria alternativa sullo stato di flusso

Una teoria alternativa sostiene che l’esperienza acquisita in un compito forgi la rete neurale senza dipendenza dall’ECN o dal DMN. Questo suggerisce che la pratica può modellare il cervello per eseguire automaticamente compiti specifici.

Studio sui chitarristi jazz

Uno studio condotto su chitarristi jazz, coordinato da Giovanni Kounios della Drexel University, ha esaminato l’attività cerebrale durante lo stato di flusso. Gli improvvisatori esperti si sono rivelati ideali per innescare questo stato mentale.

Metodologia dello studio

I ricercatori hanno utilizzato l’elettroencefalografia per monitorare l’attività cerebrale dei musicisti durante l’improvvisazione. Hanno confrontato i livelli di flusso e non flusso, valutati tramite questionari sulle esperienze durante la performance creativa.

Risultati dello studio

I chitarristi esperti in stato di flusso hanno mostrato ridotta attività dell’ECN e DMN, con un aumento nelle regioni coinvolte nell’elaborazione sensoriale. Questo suggerisce un rilassamento delle funzioni cognitive superiori durante lo stato di flusso.

Conclusioni sullo stato di flusso

Lo studio evidenzia l’importanza di un equilibrio tra attività cerebrali durante lo stato di flusso. La capacità di “lasciarsi andare” alle sensazioni e alle azioni potrebbe favorire la creatività e le prestazioni ottimali in ambiti impegnativi come l’improvvisazione jazz.

Il Flusso Creativo dei Musicisti Esperti

Uno studio sul flusso creativo ha rivelato che i musicisti esperti sperimentano un controllo meno cosciente rispetto ai meno esperti durante l’improvvisazione. Questo, poiché affidano di più alle reti formate nel corso dell’affinamento della loro arte.

I musicisti esperti in uno stato di flusso non attivano il Default Mode Network (DMN) per generare idee, ma utilizzano reti legate all’udito e all’esecuzione musicale, rinforzate nel tempo. Al contrario, i meno esperti mostrano pochi cambiamenti nelle loro reti durante l’improvvisazione.

Implicazioni Neuronali nel Processo Creativo

Questi risultati aprono nuove prospettive nelle neuroscienze, poiché analizzano l’attività cerebrale durante un compito creativo reale anziché simulato. Ciò potrebbe portare a nuove tecniche per stimolare la creatività e l’innovazione nelle persone, secondo gli autori dello studio.

In futuro si spera di confermare la teoria con altri compiti creativi come il disegno, applicando tecniche avanzate di scansione cerebrale. Questa ricerca potrebbe offrire spunti cruciali per comprendere meglio il flusso creativo e come favorirlo.

Interrogativi sul Funzionamento del Corpo Umano

Il mondo della scienza è pieno di domande intriganti sul corpo umano. Se ti sei mai chiesto perché alcune persone costruiscono muscoli più facilmente di altre o perché le lentiggini appaiono al sole, inviaci le tue curiosità all’indirizzo community@livescience.com con oggetto “Health Desk Q”. Potresti trovare la risposta alla tua domanda sul nostro sito!

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.