Secondo lo studio Drexel, il cambiamento climatico è legato all’aumento del disagio mentale tra gli adolescenti

Secondo lo studio Drexel, il cambiamento climatico è legato all’aumento del disagio mentale tra gli adolescenti
3 mesi ago

Il peggioramento dei cambiamenti climatici indotti dall’uomo potrebbe avere effetti che vanno oltre l’innalzamento del livello del mare, l’aumento delle temperature e gli impatti sull’approvvigionamento alimentare e sulla migrazione, ampiamente segnalati, e potrebbe anche estendersi a influenzare il disagio mentale tra gli studenti delle scuole superiori negli Stati Uniti.

Secondo un sondaggio rappresentativo condotto su 38.616 studenti delle scuole superiori di 22 distretti scolastici pubblici in 14 stati degli Stati Uniti, il quarto degli adolescenti che hanno vissuto il maggior numero di giorni in un disastro climatico negli ultimi due anni e negli ultimi cinque anni – come ad esempio come uragani, inondazioni, tornado, siccità e incendi – avevano il 20% in più di probabilità di sviluppare disagio mentale rispetto ai loro coetanei che avevano vissuto pochi o nessun evento catastrofico.

Il documento è la prima ricerca su larga scala che esamina la salute mentale degli adolescenti a seguito di molteplici eventi catastrofici – compresi i tempi, la frequenza e la durata degli eventi – coprendo 83 disastri climatici dichiarati a livello federale avvenuti entro 10 anni prima del completamento dell’indagine. I risultati, utilizzando i dati di maggio 2019 su tristezza/disperazione e sonno corto provenienti dall’indagine statunitense sul comportamento a rischio dei giovani e i dati sui disastri della Federal Emergency Management Agency, sono stati pubblicati questo mese sulla rivista Rapporti di medicina preventiva.

“Sappiamo che il cambiamento climatico ha e avrà impatti catastrofici in tutto il mondo”, ha affermato l’autrice principale Amy Auchincloss, PhD, professore associato di epidemiologia presso la Dornsife School of Public Health. “Ma siamo rimasti allarmati nello scoprire che i disastri legati al clima stavano già colpendo così tanti adolescenti negli Stati Uniti. Ad esempio, negli ultimi 2 anni, molti distretti scolastici nel nostro studio sono stati soggetti a disastri climatici per oltre 20 giorni.”

Gli intervistati hanno segnalato disagio mentale rispondendo affermativamente a sentimenti persistenti di tristezza o disperazione e alla breve durata del sonno, due fattori che studi precedenti collegano fortemente ai disturbi di salute mentale tra gli adolescenti. Il gruppo ha controllato altri fattori che possono influenzare la salute mentale, come età, razza, sesso, esperienza di bullismo, preoccupazioni sulla sicurezza scolastica e reddito familiare.

Un legame positivo, ma non statisticamente significativo, tra l’esperienza dei disastri climatici e il disagio mentale è stato riscontrato anche dieci anni prima dell’indagine statunitense sul rischio giovanile.

“Abbiamo riscontrato gli effetti più forti sul disagio mentale nei due anni immediatamente successivi a un disastro climatico, con l’effetto che si indebolisce gradualmente da 5 a 10 anni dopo il disastro”, ha affermato il coautore Josiah Kephart, PhD, assistente professore alla Dornsife School. della Sanità Pubblica.

Poiché i risultati non possono dimostrare la causalità, gli autori affermano che vorrebbero vedere più studi sulla gamma di effetti del cambiamento climatico sui giovani e sui metodi per migliorare la preparazione al potenziale peggioramento della salute mentale di questa popolazione.

Secondo il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti, circa la metà degli adolescenti ha già sperimentato un disturbo di salute mentale durante l’infanzia o l’adolescenza.

“Le risorse per la crisi della salute mentale giovanile hanno già difficoltà a soddisfare la domanda e la domanda aumenterà con l’aumento dei disastri”, ha affermato la coautrice Esther Chernak, MD, professoressa clinica e direttrice del Center for Public Health Readiness and Communication presso la Dornsife School of Public Salute. “Lo studio attuale è la prova che medici, politici, genitori e molti altri soggetti interessati alla salute mentale dei giovani possono prendere in considerazione quando sostengono l’aumento delle risorse per la salute mentale specifiche degli adolescenti, in particolare nelle comunità a basso reddito che saranno colpite più duramente dalla disastri.”

La Dornsife School of Public Health di Drexel ospita importanti lavori in corso riguardanti la salute e il cambiamento climatico. Tra gli altri progetti, l’Urban Health Collaborative della scuola ha recentemente ricevuto finanziamenti dal National Institutes of Health per sostenere la creazione del Drexel Climate Change and Urban Health Research Center (CCUH), che promuove la ricerca sugli effetti dei cambiamenti climatici sulla salute in tutte le Americhe. Il progetto Urban Health in Latin America (SALURBAL-Climate), di cui la Dornsife School of Public Health è un partner istituzionale, finanzia la ricerca sui collegamenti dei cambiamenti climatici con la salute e gli impatti delle disuguaglianze sanitarie in tutta l’America Latina utilizzando dati su ben 400 città in 11 paesi. Paesi. Ulteriori lavori presso la scuola, in collaborazione con il World Resources Institute (WRI), WRI Brasil, SALURBAL e WRI Mexico, cercano di approfondire la nostra comprensione della relazione tra mortalità da calore su scala di quartiere e caratteristiche sociali del quartiere in due città brasiliane; i cui risultati mirano a informare la politica pubblica.

Oltre ad Auchincloss, altri autori dello studio includono Dominic A. Ruggiero e Meghan T. Donnelly, che erano studenti laureati alla Drexel al momento di questo lavoro.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.