venerdì 24 Maggio 2024

Superare le sfide dell’ipovisione per eccellere nel mondo accademico e scientifico

2 mesi ago

Una brillante carriera tra scoperte innovative e sfide personali

Kamini Govender, ricercatrice post-dottorato presso l’Università del Free State in Sud Africa, ha contribuito a rivoluzionare la produzione di insulina e a condurre ricerche cruciali durante la pandemia di COVID-19. Affronta quotidianamente la retinite pigmentosa, una patologia rara che limita il suo campo visivo.

Una condizione oculare sfidante fin dalla giovane età

All’età di 14 anni, Kamini è stata diagnosticata con retinite pigmentosa, compromettendo la sua visione periferica e notturna. La sua visione centrale è limitata e questa sfida ha richiesto tempo per essere accettata. Kamini condivide le sfide legate alla stigmatizzazione e al processo di accettazione della sua condizione.

Gestione della condizione durante gli studi universitari

Durante gli studi all’Università del KwaZulu-Natal, Kamini ha compensato la sua disabilità con ore di studio extra, spesso causando emicranie e dolore agli occhi. Ha ottenuto supporto dall’unità disabili dell’università per completare gli esami, sviluppando strategie personalizzate per superare le sfide.

Confronto con il pregiudizio e la ricerca di equità nel mondo scientifico

Kamini ammette di sentirsi giudicata e spesso lotta contro l’orgoglio nel chiedere aiuto. Durante eventi accademici di prestigio come il Lindau Nobel Laureate Meeting in Germania, ha dovuto confrontarsi con l’uso del suo bastone bianco, superando il timore del giudizio altrui per preservare la sua salute.

Il lavoro di laboratorio e le sfide incontrate

Utilizzo il laptop per ingrandire il testo durante la lettura dei documenti, ma è un processo impegnativo. A volte salto le parole e devo fare pause per non affaticare la vista. L’uso dei lettori di sintesi vocale è troppo lento per la revisione paritaria di documenti accademici. L’intelligenza artificiale potrebbe essere utile per analizzare informazioni più velocemente in futuro.

Strategie di coping e gestione del lavoro di laboratorio

Nel lavoro di laboratorio, adotto meccanismi di coping come utilizzare un vassoio nero anziché trasparente per migliorare il contrasto durante l’elettroforesi su gel. Sgombero il mio banco e lavoro con attrezzature direttamente di fronte a me per facilitare le procedure.

Esperienze attuali nella ricerca post-dottorato

Nel mio attuale lavoro di biocatalisi, manipolo enzimi e piccoli tubi per diverse reazioni. Pianifico attentamente le attività nel mio libro di laboratorio per aumentare l’efficienza. Affronto sfide come individuare tubi trasparenti caduti a terra.

Il rischio di burnout durante il dottorato e le conseguenze

Dopo aver completato il dottorato in un tempo serrato, ho sperimentato un burnout dovuto allo stress e alla pressione costante. La mancanza di equilibrio tra lavoro e vita privata ha contribuito al mio esaurimento, causandomi stanchezza, depressione e carenza di vitamina D.

Strategie per affrontare il burnout e promuovere il benessere

Con il tempo, ho imparato a prendere cura di me stesso, conoscendo i segnali di arresto e adottando abitudini più salutari come l’esercizio e una dieta equilibrata. Il relax, la musica, lo yoga e il tempo all’aria aperta sono diventati parte della mia routine per ridurre lo stress e favorire la meditazione.

L’inclusione e il supporto per gli studenti con disabilità nel mondo accademico

C’è bisogno di maggiori sforzi per includere le persone con disabilità nel mondo accademico e scientifico. La mancanza di rappresentanza di studenti con disabilità nei programmi di dottorato evidenzia la necessità di maggiore educazione, consapevolezza ed empatia. Promuovere l’inclusività rappresenta una sfida globale.

Promuovere la diversità e l’inclusione nella scienza

Cercare opportunità per parlare pubblicamente e presiedere eventi, come il Forum mondiale per le donne nella scienza, può contribuire a promuovere l’inclusività e sensibilizzare sulle sfide affrontate dalle persone con disabilità nel settore scientifico. L’obiettivo è incoraggiare altre persone con disabilità e ragazze a perseguire gli studi scientifici.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Don't Miss

Chi renderà AlphaFold3 open source? Gli scienziati corrono per decifrare il modello di intelligenza artificiale

AlphaFold3: Una Corsa per Decifrare il Modello di Intelligenza Artificiale Google DeepMind

È un panino gigante? No, è il più grande disco protoplanetario del cielo

Il gigante nel cielo: Chivito di Dracula Un’imponente scoperta nel cielo: Chivito