martedì 16 Luglio 2024

Un enorme rilevatore di neutrini rileva i primi indizi di particelle provenienti da stelle in esplosione

6 giorni ago

Una rilevazione epocale

Un importante rilevatore di neutrini ha individuato segnali di particelle provenienti da stelle in esplosione, rappresentando una svolta per la ricerca astronomica. L’osservatorio giapponese Super-Kamiokande potrebbe fornire informazioni chiave sull’evoluzione delle supernovae.

Scoperte fondamentali

Le minuscole particelle subatomiche, i neutrini, emessi durante il collasso di una stella, possono rivelare aspetti cruciali della fisica delle supernovae. L’informazione raccolta potrebbe aprire nuove prospettive sulla comprensione degli eventi estremi che si verificano nello spazio.

Neutrini: particelle elusive

I neutrini sono estremamente difficili da catturare a causa della loro natura. Super-Kamiokande, pur avendo una bassa efficienza di cattura, potrebbe offrire un’importante opportunità di rilevamento grazie al flusso di neutrini generato dalle supernovae.

Il mistero dei neutrini di supernova

Pur essendo teoricamente abbondanti, finora i neutrini delle supernovae sono rimasti sfuggenti ai rivelatori. Solo una volta sono stati rilevati in modo conclusivo, durante l’evento del 1987 nella Grande Nube di Magellano.

Aggiornamenti tecnologici

Super-Kamiokande ha recentemente subito un aggiornamento tecnologico per migliorare la discriminazione tra i neutrini delle supernovae e le altre particelle. Questo potrebbe aumentare la capacità del rivelatore di rilevare in modo più preciso e completo tali segnali del cosmo.

Scoperta nel campo della fisica delle particelle

Durante un recente aggiornamento, gli scienziati hanno introdotto un sale a base di gadolinio nell’acqua di Super-K, permettendo di catturare i neutroni prodotti dall’interazione degli antineutrini con l’acqua. Questo processo genererà due lampi energetici, un risultato prezioso per l’osservazione di neutrini di supernova.

Risolvere i misteri cosmici

È necessario del tempo prima che i segnali autentici di supernova emergano chiaramente, poiché i segnali a doppio lampo potrebbero derivare da altre fonti di neutrini. Tuttavia, Super-K dovrebbe raccogliere abbastanza dati entro il 2029 per trarre conclusioni significative.

Hyper-Kamiokande, un esperimento più grande la cui conclusione è attesa nel 2027, potrebbe migliorare ulteriormente i risultati di Super-K. Questo nuovo rivelatore potrebbe offrire una maggiore accuratezza grazie alla possibilità di aggiungere gadolinio in un secondo momento.

Esplorare l’universo attraverso i neutrini

La conferma che i neutrini provenienti da supernovae antiche sono ancora rilevabili dimostrerebbe la stabilità di queste particelle nel corso del tempo. Misurare l’intero spettro di energie dei neutrini di supernova potrebbe inoltre fornire importanti informazioni sulla storia cosmica legata alle esplosioni stellari.

Pur essendo ancora in fase di studio, la possibilità di rilevare neutrini diffusi è considerata “estremamente eccitante” da esperti come Ignacio Taboada dell’Istituto di Tecnologia della Georgia. I neutrini potrebbero offrire una visione indipendente sulla formazione stellare nell’universo e sulle sue trasformazioni nel corso del tempo.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Don't Miss

Il genetista che usa la scienza per difendere genitori ingiustamente accusati

Una vita tra genetica e giustizia sociale Carola Vinuesa fonde genetica, femminismo

Come le nazioni si stanno preparando a una possibile pandemia di influenza aviaria H5N1

Scoperta dei cromosomi intatti della pelle di un mammut lanoso Gli scienziati