Un farmaco contro l’obesità di grande successo porta a una salute migliore nelle persone affette da HIV

2 mesi ago

Il contributo dei farmaci anti-obesità alle persone con HIV

Le persone affette da HIV stanno beneficiando dei nuovi farmaci anti-obesità, che promettono miglioramenti significativi nella gestione dei farmaci anti-HIV e dei problemi metabolici associati.

Secondo gli studi presentati alla Conferenza sui retrovirus e le infezioni opportunistiche, il farmaco semaglutide non solo favorisce la perdita di peso nelle persone con HIV, ma riduce anche le condizioni legate all’accumulo di grasso comuni in queste persone.

Interesse crescente per i farmaci anti-obesità tra le persone con HIV

L’aumento dell’obesità tra le persone con HIV ha generato interesse per farmaci come il semaglutide, che viene prescritto anche per le complicazioni metaboliche derivanti dalle terapie contro l’HIV.

Secondo il dottor Daniel Lee dell’Università della California, circa il 20% dei pazienti affetti da complicazioni metaboliche riceve farmaci come il semaglutide, e i risultati sono finora molto positivi.

Effetti collaterali e benefici del semaglutide

Alcuni farmaci antiretrovirali potrebbero contribuire all’aumento di peso e alle condizioni correlate nell’HIV, mentre il semaglutide, noto come Wegovy per l’obesità e Ozempic per il diabete, è associato a una notevole perdita di peso in persone sovrappeso o obese.

Uno studio condotto su 222 persone con HIV ha mostrato una perdita di peso media di 6,5 chili in un anno, pari al 5,7% del peso corporeo iniziale grazie al semaglutide.

Contenere l’accumulo di grasso nel fegato

Le terapie antiretrovirali sono legate all’accumulo anomalo di grasso, incluso nella steatosi epatica associata a disfunzione metabolica, una condizione diffusa tra le persone con HIV.

L’accumulo di grasso nel fegato può portare a complicazioni gravi come l’insufficienza epatica e le malattie cardiovascolari, ma farmaci come il semaglutide potrebbero offrire soluzioni efficaci a questi problemi.

Una svolta nel trattamento dell’HIV e delle malattie del fegato

Uno studio condotto su persone con HIV e malattia epatica steatosica ha mostrato risultati promettenti con l’uso di semaglutide. Il 29% dei partecipanti ha registrato una risoluzione completa della malattia epatica in soli sei mesi.

Effetti collaterali da considerare

Tuttavia, i dati dello studio hanno evidenziato che l’assunzione di semaglutide ha causato perdita di volume muscolare, in particolare negli individui di età superiore a 60 anni. È importante monitorare attentamente gli anziani con HIV che assumono questo farmaco.

Combattere l’infiammazione con semaglutide

Un altro studio ha esaminato l’efficacia di semaglutide nel trattare la lipoipertrofia, un accumulo di grasso addominale associato ad aumentato rischio cardiometabolico, nelle persone con HIV. Semaglutide ha dimostrato di ridurre il grasso addominale e diminuire il livello di infiammazione.

Benefici sulla salute generale

La riduzione dell’infiammazione dovuta all’assunzione di semaglutide è particolarmente significativa per le persone con HIV, poiché l’infezione stessa può causare uno stato cronico di infiammazione che porta a varie complicanze, inclusi problemi cardiaci, epatici, renali e cognitivi.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Don't Miss

Un’importante scoperta scientifica: un piccolo buco nero nell’Universo primordiale

Uno sguardo alla ricerca Un gruppo internazionale di ricercatori provenienti da prestigiose

La terapia con mRNA è sicura per il trattamento dell’acidemia propionica, condizione metabolica ereditaria

Un nuovo approccio terapeutico per l’acidemia propionica Uno studio ha dimostrato che