Un reporter sugli psichedelici con una prospettiva mutevole

2 mesi ago

Una visione rivoluzionaria sulle sostanze psichedeliche

Essendo un giornalista specializzato in medicina psichedelica per la redazione di Salute e Scienza del New York Times, le droghe che catturano la mia attenzione sono sostanze come ketamina, LSD, psilocibina (noti come “funghi magici”) e MDMA, conosciuta come Molly o Ecstasy.

Queste sostanze psicoattive sono oggetto di ricerche da molti anni e risultati scientifici crescenti suggeriscono il loro potenziale nel trattare disturbi mentali come depressione, abuso di sostanze e disturbi alimentari.

La scoperta dell’ibogaina: un potente interruttore della dipendenza

Meno conosciuta è l’ibogaina, una droga derivata da una pianta africana che potrebbe rappresentare una svolta nel trattamento delle dipendenze. Studi dimostrano che questa sostanza potrebbe aiutare i pazienti ad affrontare la dipendenza da oppioidi in modo efficace.

Nonostante i suoi potenziali benefici, l’ibogaina comporta anche effetti collaterali significativi. Alcuni pazienti sperimentano un viaggio estenuante che può durare fino a 24 ore, e sono stati segnalati decessi correlati all’assunzione di ibogaina, in alcuni casi dovuti a problemi cardiaci gravi.

Una nuova luce sulla ricerca psichedelica

Il Kentucky investe nella ricerca sull’ibogaina

Un’iniziativa nel Kentucky nel 2023 ha scosso il mondo della ricerca psichedelica: un comitato ha proposto di destinare 42 milioni di dollari alla ricerca sull’ibogaina e lo sviluppo di farmaci per basarsi sui fondi ottenuti dagli accordi sugli oppioidi con le aziende farmaceutiche.

Il presidente del comitato, W. Bryan Hubbard, ha deciso di esplorare il potenziale terapeutico dell’ibogaina nonostante la sua scarsa esperienza con le sostanze psichedeliche, attratto dai suoi presunti benefici nel trattamento delle dipendenze.

La prospettiva di uno stimolo nell’ambito della medicina psichedelica

Adriana Kertzer, avvocato specializzato in medicina psichedelica di New York, ha giocato un ruolo importante nel facilitare contatti tra giornalisti e figure chiave come Hubbard, aprendo nuove prospettive nel mondo della ricerca psichedelica.

Una nuova speranza per la crisi degli oppioidi negli Appalachi

Nella regione degli Appalachi, vicino al confine tra West Virginia e Kentucky, la devastante epidemia di oppioidi ha colpito duramente. Testimonianze dirette raccontano di una situazione emotivamente straziante.

Un’occhiata ravvicinata all’ibogaina

Con oltre 112.000 overdose mortali negli Stati Uniti tra maggio 2022 e maggio 2023, l’ibogaina emerge come un’opzione di trattamento promettente. A Louisville, Kentucky, operatori sanitari e ex consumatori di oppioidi ne parlano positivamente.

Una testimonianza toccante è quella di Jessica Blackburn, 37 anni, che dopo numerosi tentativi con diverse terapie ha trovato sollievo dall’ibogaina otto anni fa e non ha più fatto uso di oppioidi.

La prospettiva degli esperti

Nonostante i potenziali benefici, sorgono preoccupazioni riguardo ai rischi cardiaci legati all’ibogaina. Tuttavia, scienziati come la dottoressa Deborah Mash e il dottor Martín Polanco ritengono che tali rischi possano essere gestiti sotto stretta supervisione medica.

La comunità scientifica si mobilita per studiare e comprendere appieno i possibili impatti della psichedelica medicinale, mantenendo un approccio cauto ed equilibrato tra speranza e scienza.

Il dibattito sul futuro dell’ibogaina

L’articolo ha ricevuto un’ampia attenzione positiva, con più di 100 lettori che hanno condiviso esperienze e speranze legate alla terapia con ibogaina. Tuttavia, il cammino verso una gestione efficace della crisi degli oppioidi è ancora lungo e incerto.

Ipotesi di Studi Farmaceutici in America

Alcuni esperti ritengono che a breve i regolatori federali potrebbero approvare uno studio sul farmaco anti-opiacei.

Le Preoccupazioni del Procuratore Generale

Il procuratore generale del Kentucky, Russell Coleman, ha recentemente espresso scetticismo sull’iniziativa sull’ibogaina della Commissione, sottolineando delle criticità.

La Determinazione di L. Ron Hubbard

Nonostante le critiche, L. Ron Hubbard mantiene la sua posizione e sta collaborando con l’ufficio del tesoriere dello stato dell’Ohio per promuovere l’uso dei fondi degli oppioidi nella ricerca sull’ibogaina.

Diffusione dell’Iniziativa in Altri Stati

Hubbard sostiene che diverse altre giurisdizioni statali si stiano interessando all’idea di utilizzare fondi anti-opioidi per finanziare la ricerca sull’ibogaina, indicando un interesse diffuso.

Conclusioni

La vicenda attorno all’ibogaina e alle terapie psichedeliche rimane controversa e sarà interessante seguirne lo sviluppo negli anni a venire.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.