Una cometa luminosa diretta verso la Terra potrebbe essere visibile ad occhio nudo

4 settimane ago

Un’emozionante cometa luminosa in arrivo

Il 2024 potrebbe riservare un’altra sorpresa celeste: una cometa luminosa visibile ad occhio nudo. Negli ultimi anni, abbiamo assistito a fenomeni come la “Grande Eclissi Solare del Nord America” ad aprile e spettacolari aurora boreale. Ma che ne dite di una cometa nel cielo?

L’attesa di una cometa luminosa

Di recente, due comete hanno catturato l’attenzione dei media: la “Grande Cometa Verde” e la “Cometa del diavolo”. Entrambe visibili solo in cieli scuri e inquinati dalla luce, non offrivano uno spettacolo spettacolare senza strumenti ottici.

Un piano per l’autunno

Tuttavia, l’autunno potrebbe portare una sorpresa migliore. La cometa C/2023 A3 (Tsuchinshan–ATLAS), scoperta dal sistema ATLAS in Sud Africa, potrebbe rendere le sue visite diurne più luminose e visibili. ATLAS, progettato per individuare asteroidi vicini alla Terra, ha portato all’individuazione di questa cometa speranzosa.

Algida scoperta celeste

Inizialmente scambiata per un asteroide, si è rivelato essere una cometa fotografata sei settimane prima dall’Osservatorio della Montagna Viola (Tsuchinshan). Questa scoperta ha acceso le speranze di poter osservare un affascinante fenomeno celeste nel prossimo futuro.

Una cometa in arrivo nel 2024

La cometa C/2023 A3 (Tsuchinshan-ATLAS) è stata avvistata per la prima volta in Cina e si è confermato che si tratta di una cometa in arrivo.

Avvicinamento al sole

All’inizio, la cometa si trovava oltre l’orbita di Giove, ma il 27 settembre si avvicinerà massimamente al sole a 58 milioni di chilometri, la stessa distanza di Mercurio.

Il 12 ottobre passerà a soli 71 milioni di chilometri dalla Terra, suggerendo un potenziale spettacolo nel cielo occidentale a metà ottobre 2024.

Potenzialità e incertezze

La cometa potrebbe raggiungere la prima o seconda magnitudine e sviluppare una coda brillante. Tuttavia, i calcoli mostrano che proviene dalla Nuvola di Oort, il che potrebbe portare a un esito deludente.

Le comete della Nuvola di Oort, mai vicine al Sole prima, potrebbero mostrare luminosità intermittenti. Spesso queste comete finiscono per deludere, con improvvisi cali di luminosità.

La cometa Tsuchinshan-ATLAS: attese e incertezze

La cometa Tsuchinshan-ATLAS non raggiungerà il punto più luminoso della sua orbita prima della fine di luglio. L’aspettativa è che possa diventare uno spettacolo affascinante, ma l’esito è incerto e dipenderà dal suo sviluppo luminoso nel tempo.

Nell’emisfero settentrionale, non potremo seguire direttamente la cometa Tsuchinshan-ATLAS questo estate, poiché sarà troppo a sud per essere visibile. Saranno gli osservatori dell’emisfero australe, come Australia, Nuova Zelanda e Sud America, ad avere la possibilità di ammirarla nel cielo mattutino prima dell’alba. Attendiamo notizie da quelle zone per sapere se diventerà uno spettacolo luminoso.

Le informazioni provenienti da queste regioni del globo saranno cruciali per comprendere se la cometa sarà un evento celeste da non perdere o meno. L’attesa è carica di speranza ma anche di incertezza, con la possibilità che la sua luminosità non evolva come sperato.

Riflessi polverosi e spettacoli celesti

Un elemento che potrebbe favorire lo spettacolo della cometa è la sua posizione tra il Sole e la Terra intorno all’8 ottobre, creando la cosiddetta “diffusione in avanti della luce solare”. Se particolarmente polverosa, le particelle espulse potrebbero diffondere la luce solare in avanti, aumentando la luminosità in modo spettacolare.

Due esempi di comete illuminate grazie alla diffusione in avanti sono la Skjellerup-Maristany (C/1927 X1) nel dicembre 1927 e la McNaught (C/2006 P1), nota come la Grande Cometa del 2007. Entrambe hanno offerto spettacoli celesti straordinari, visibili ad occhio nudo, che sono rimasti nella storia dell’astronomia.

Luminosità eccezionale nel cielo

La cometa Tsuchinshan-ATLAS ha recentemente catturato l’attenzione degli appassionati di astronomia grazie alla sua straordinaria luminosità nel cielo diurno vicino al sole.

Calcoli recenti suggeriscono che potrebbe diventare altrettanto brillante di Venere entro ottobre 2024, spostandosi poi rapidamente verso nord per consentire un’ottima osservazione nel cielo occidentale a metà ottobre.

Anche se attualmente si sta affievolendo man mano che si allontana da Sole e Terra, si spera che la cometa mostrerà una luminosità tale da poter essere vista ad occhio nudo, magari con una coda ben visibile.

Un’illustrazione del cielo notturno del 21 maggio 2024 che mostra la posizione della cometa C/2023 A3 (Tsunchinshan-ATLAS) nella costellazione della Vergine. (Credito immagine: TheSkyLive.com)

Nessuna garanzia nell’osservazione delle comete

Pur essendo promettenti, le comete spesso riservano sorprese. Comete come Kohoutek nel 1973-74 hanno deluso le aspettative, mentre altre come NEOWISE nel 2020 hanno regalato uno spettacolo sorprendente.

Come disse il famoso esperto di comete Dr. Fred Whipple, “Se devi scommettere, scommetti su un cavallo, non su una cometa!”.

Nonostante le incertezze, l’attenzione è ora rivolta alla cometa Tsuchinshan-ATLAS. Rimani aggiornato su Space.com per ulteriori sviluppi.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.