mercoledì 22 Maggio 2024

Una potente droga psichedelica guadagna nuova notorietà come terapia per la dipendenza da oppioidi

3 mesi ago

Una nuova speranza contro la dipendenza da oppioidi

L’azienda farmaceutica Scienze della vita Atai sta investendo milioni nella ricerca di un potente composto psichedelico, l’ibogaina, per trattare la dipendenza da oppioidi. I legislatori stanno spingendo per promuovere la ricerca sulla sua efficacia in diverse condizioni di salute mentale.

La voce degli esperti

La dottoressa Deborah Mash, esperta di neurologia dell’Università di Miami, ha sostenuto per anni le potenzialità dell’ibogaina. Secondo lei, sebbene non sia una soluzione universale, rappresenta uno strumento potente per affrontare la dipendenza da oppioidi e altri disturbi di salute mentale.

Studi recenti hanno mostrato che l’ibogaina potrebbe essere efficace anche nel trattare lesioni cerebrali traumatiche. Un piccolo studio su veterani militari ha evidenziato significativi miglioramenti nei sintomi psichiatrici e nella cognizione dopo una singola sessione terapeutica, senza segnalare effetti collaterali negativi.

Sfide e dubbi sulla terapia con ibogaina

Pur riconoscendo i suoi risultati promettenti, gli esperti sottolineano la mancanza di approvazione da parte della FDA e la presenza di rischi, come aritmie cardiache, che rendono l’ibogaina una scelta controversa per la terapia anti-dipendenza su larga scala. Alcuni studiosi come William Stoops esprimono scetticismo sulla sua idoneità per un possibile utilizzo normativo.

Anche se l’approvazione della FDA fosse ottenuta, rimarrebbero da affrontare questioni di regolamentazione e sicurezza riguardo all’uso diffuso dell’ibogaina come terapia anti-dipendenza.

Un possibile trattamento per l’uso di oppioidi

Il dottor Stoops ha evidenziato la precarietà di molti consumatori di oppioidi a lungo termine, spesso affetti da problemi cardiovascolari che li renderebbero non idonei alla terapia.

Limiti all’accesso e costo del trattamento

Il costo elevato della fornitura di ibogaina all’interno di un contesto medico limiterebbe ulteriormente il numero di potenziali pazienti che potrebbero usufruire di questo trattamento innovativo.

Finanziamenti per la ricerca

Il National Institute on Drug Abuse ha avviato studi sugli analoghi dell’ibogaina, composti chimici correlati che potrebbero offrire benefici terapeutici senza rischi per la salute, cercando alternative efficaci ai trattamenti esistenti.

Necessità di nuove opzioni terapeutiche

Nonostante l’esistenza di farmaci come metadone e buprenorfina, i pazienti spesso interrompono la terapia dopo sei mesi. Il dottor Volkow ha sottolineato l’importanza di esplorare nuove soluzioni terapeutiche.

Posizione della FDA

La FDA ha dichiarato di non poter esprimere un parere riguardo al sostegno futuro agli studi sull’ibogaina, in conformità con la legge federale che regola le applicazioni di farmaci sperimentali.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.