venerdì 24 Maggio 2024

Una tempesta solare diffusa ha colpito i veicoli spaziali vicino al Sole, alla Terra e a Marte in rapida successione

2 mesi ago

Una tempesta solare diffusa ha colpito i veicoli spaziali vicino al Sole, alla Terra e a Marte in rapida successione

La meteorologia spaziale colpisce direttamente la Terra quando si verificano tempeste solari. Questi eventi possono causare aurora boreale, interruzioni di sistemi di comunicazione e blackout elettrici temporanei.

Le tempeste solari forniscono preziose informazioni e possono avere impatti significativi su esseri umani, satelliti e veicoli spaziali. La NASA e l’ESA monitorano attentamente questi eventi allo scopo di proteggere le missioni spaziali e gli astronauti.

La simultaneità degli impatti su Terra, Luna e Marte

Recentemente, l’ESA ha rilevato la prima osservazione simultanea di particelle energetiche su Terra, Luna e Marte a seguito di un’esplosione solare. Questo fatto solleva importanti questioni sulla sicurezza delle future missioni spaziali.

Secondo Colin Wilson dell’ESA, le radiazioni spaziali rappresentano una minaccia reale per l’esplorazione spaziale nel Sistema Solare, richiamando l’importanza delle misurazioni effettuate dalle sonde robotiche per preparare missioni umane a lungo termine.

Studiare le tempeste solari attraverso le missioni spaziali

Le missioni eliofisiche della NASA stanno studiando approfonditamente gli impatti delle tempeste solari e la diffusione delle particelle solari nello spazio. Un esempio recente riguarda un’esplosione solare del 17 aprile 2021, che è stata così intensa da coinvolgere sei veicoli spaziali dislocati in diverse posizioni nello spazio.

La presenza di protoni ed elettroni ad alta velocità, chiamati SEP, tra il Sole, la Terra e Marte è stata una scoperta senza precedenti, sottolinea l’importanza di comprendere meglio tali eventi per garantire la sicurezza delle missioni spaziali future.

Una nuova prospettiva sulle tempeste solari

Le recenti scoperte sulle tempeste solari offrono una visione più ampia grazie ai dati provenienti da diversi veicoli spaziali invece di uno solo, consentendo una comprensione più approfondita di tali fenomeni.

Thor e le tempeste solari

Immaginiamo Thor, hero Marvel, creare una tempesta solare per sconfiggere i nemici generando molteplici SEP, coprendo tutte le direzioni possibili. Questa analogia porta a una migliore comprensione del pericolo diffuso di una tempesta solare.

Effetti delle tempeste solari sulla tecnologia

Le tempeste solari possono danneggiare la tecnologia, come i satelliti, disturbando anche i sistemi come il GPS, oltre a potenzialmente arrecare danni a esseri umani nello spazio o su aerei in rotte polari a causa delle radiazioni dannose.

Impatto delle tempeste solari su diverse missioni spaziali

Un recente studio condotto da Nina Dresing e il suo team ha rivelato l’impatto delle tempeste solari su diverse missioni spaziali. Ogni veicolo spaziale ha reagito in modo diverso in base alla sua posizione rispetto all’esplosione solare.

Posizioni dei veicoli spaziali durante l’evento

Le navicelle spaziali, come BepiColombo, Parker Solar Probe, Solar Orbiter, STEREO-A, SOHO e Wind, sono state colpite in modi diversi durante l’evento. Le posizioni dei veicoli spaziali erano cruciali nel determinare l’impatto delle particelle solari.

Analisi delle posizioni dei veicoli spaziali

Analizzando le reazioni dei veicoli spaziali all’evento, è emerso che quelli più vicini al Sole, come BepiColombo e Parker Solar Probe, hanno subito gli effetti più intensi. L’evento ha permesso di comprendere meglio come le tempeste solari influenzino la tecnologia spaziale.

Cos’è il progetto Solar-MACH?

Il progetto Solar-MACH ha permesso di individuare le differenze di posizione attorno al Sole delle navicelle spaziali e di osservare il numero di elettroni e protoni provenienti da ognuna di esse. Grazie a queste osservazioni, è stato possibile ottenere un quadro più chiaro dell’espulsione solare.

Le dichiarazioni del team di ricerca

Georgia de Nolfo, membro del team e ricercatrice eliofisica presso il Goddard Space Flight Center della NASA, ha sottolineato che diverse fonti hanno contribuito a questo evento, spiegando la sua ampia distribuzione. Inoltre, è emerso che elettroni e protoni potrebbero provenire da fonti diverse, confermandolo come un evento unico nell’accelerazione delle particelle.

Implicazioni future dello studio

Eventi come questo non sono isolati e ulteriori ricerche saranno cruciali per comprendere meglio la meteorologia spaziale. L’analisi derivata da questi risultati aprirà nuove prospettive su vari fenomeni, supportata da strumenti come Costellazione delle dinamiche geospaziali (GDC), Alba, PUNCH e HelioSwarm.

Pubblicazione e fonti

Lo studio è stato presentato lo scorso anno sulla rivista Astronomy & Astrophysics. L’articolo originale è stato pubblicato su Space.com.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.