domenica 19 Maggio 2024

Uno studente di 21 anni muore di influenza aviaria H5N1 in Vietnam

2 mesi ago

Tragedia in Vietnam: Studente di 21 anni muore di influenza aviaria H5N1

Il Dipartimento di Medicina Preventiva del Vietnam ha confermato la morte di uno studente a causa dell’influenza aviaria H5N1.

L’uomo di 21 anni ha manifestato sintomi come febbre e tosse l’11 marzo, ma è stato inizialmente diagnosticato erroneamente con polmonite. Dopo una settimana è stato trasferito al Khanh Hoa General Hospital.

La diagnosi e la tragica fine dello studente

Il 20 marzo il giovane è risultato positivo all’influenza aviaria ad alta patogenicità. Due giorni dopo, ulteriori test all’Istituto Pasteur di Nha Trang hanno confermato che era infetto dal ceppo H5N1, noto per la sua pericolosità.

Purtroppo, a causa della grave evoluzione della malattia, lo studente è deceduto il 23 marzo, come riportato dal Dipartimento della Salute della provincia di Tay Ninh.

Indagine su possibili cause

Un’indagine ha rivelato che lo studente aveva cacciato uccelli selvatici prima e dopo il Capodanno lunare. Nonostante ciò, non sono stati segnalati uccelli malati nell’area in cui aveva praticato la caccia.

Il giovane viveva con la sua famiglia vicino a Ninh Hoa, e i contatti stretti sono stati tutti monitorati dall’autorità sanitaria senza riscontri di nuovi casi al momento.

Situazione dell’influenza aviaria nel mondo

Dal 2003 in Vietnam sono state registrate 128 persone infette dall’H5N1, di cui 65 decessi. A livello globale, ci sono stati più di 880 casi di infezione umana in 23 paesi, come riportato dai Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie.

Recentemente il Vietnam ha avuto sei focolai del virus negli allevamenti di pollame, con un avviso da parte del Ministero della Salute sul rischio di trasmissione agli esseri umani dagli uccelli.

Trasmissione e rischio per gli esseri umani

L’influenza aviaria può passare dagli uccelli ai mammiferi, compresi gli esseri umani. Tuttavia, non ci sono evidenze di trasmissione da mammifero a uomo, e il rischio di infezione è limitato a chi è a stretto contatto con animali infetti.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.