mercoledì 22 Maggio 2024

Vulcano di Santorini: la strana eruzione di 1.300 anni fa fu violenta quanto l’eruzione di Tonga nel 2022

2 mesi ago

La rivelazione della violenta eruzione del vulcano di Santorini

Recenti ricerche hanno svelato che l’eruzione del vulcano di Santorini avvenuta 1.300 anni fa è stata estremamente più violenta di quanto precedentemente ipotizzato. Questo suggerisce che esplosioni di proporzioni rilevanti possono verificarsi anche in periodi di relativa stabilità.

Il contesto geografico di Santorini

Santorini è un vulcano sottomarino situato nell’Arco dell’Isola Ellenica, tra Grecia e Turchia. Le sue eruzioni possono essere così intense da causare il collasso della crosta sopra la camera magmatica, formando una caldera di diversi chilometri di diametro. L’ultima grande eruzione, nota come eruzione minoica, risale al 1600 a.C. e ha trasformato l’antica isola nell’attuale arcipelago.

Un evento impensabile: l’eruzione del 726 d.C.

Di solito, le eruzioni di questa portata sono seguite da periodi di tranquillità, ma nel 726 d.C. Santorini ha sferrato un’enorme esplosione, portando gli scienziati a riconsiderare il comportamento vulcanico durante periodi di quiete. Questo evento è stato oggetto di uno studio pubblicato su Geoscienza della natura.

Descrizione dell’eruzione del 726 d.C.

Testimonianze storiche riportano che durante l’estate del 726 d.C., il mare all’interno della caldera di Santorini ha iniziato a bollire, seguito da un denso fumo e eruzioni piroclastiche. Rocce e cenere sono state proiettate per centinaia di chilometri, ricoprendo le coste della Macedonia e dell’Asia Minore.

Il confronto con l’eruzione di Tonga del 2022

Nonostante i segni apparentemente minimi di quell’eruzione, una recente analisi ha evidenziato che l’evento del 726 potrebbe essersi equiparato in magnitudo all’eruzione record del vulcano di Tonga del 2022. Questa nuova prospettiva apre interessanti spunti di riflessione e approfondimenti sulle dinamiche vulcaniche.

Ulteriori approfondimenti e prospettive future

Questi nuovi dettagli rivelati sull’eruzione del 726 d.C. gettano nuova luce sulle potenzialità dei vulcani anche durante periodi di relativa stabilità. Gli studiosi si domandano ora quali altri segreti e scoperte possano emergere da un’analisi approfondita di questo straordinario fenomeno naturale.

Scoperta sorprendente sull’eruzione di Santorini

Un carotiere viene utilizzato per estrarre il nucleo di sedimento dal fondale marino intorno alla bocca di Kameni, a Santorini. I ricercatori scoprono uno spesso strato di pomice e cenere, indicando un’espulsione di materiale equivalente a 3,1 chilometri cubi.

Pericolo potenziale della caldera di Santorini

La scoperta della potenza eruttiva della caldera di Santorini, capace di grandi eruzioni esplosive anche dopo un breve periodo dalla formazione, solleva preoccupazioni sulla sicurezza del Mediterraneo orientale. Il potenziale pericolo è alto, secondo gli studiosi.

Studi sulla bocca del vulcano Kameni

La bocca del vulcano Kameni ha eruttato per l’ultima volta nel 1950, con piccole esplosioni e colate laviche. Eventi successivi hanno dimostrato segnali di attività sotto il vulcano, evidenziando rischi potenziali per la regione.

Impatti dell’eruzione del 726

I sedimenti sull’isola di Palea Kameni rivelano che l’eruzione del 726 è stata un evento di magnitudo 5, molto più grave di quanto precedentemente ipotizzato. Gli studiosi avvertono sulle possibili conseguenze disastrose di un evento simile oggi.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.