Zone umide, parchi e persino giardini botanici sono tra i modi migliori per rinfrescare le città durante le ondate di caldo

Zone umide, parchi e persino giardini botanici sono tra i modi migliori per rinfrescare le città durante le ondate di caldo
3 mesi ago

I giardini botanici non sono solo belli: possono rinfrescare l’aria della città di 5°C durante le ondate di caldo, secondo lo studio più completo nel suo genere condotto dall’Università del Surrey. Parchi e zone umide hanno un effetto simile.

Lo studio ha analizzato il modo in cui gli spazi verdi e i corsi d’acqua raffreddano città e paesi.

Il professor Prashant Kumar, direttore del Centro globale per la ricerca sull’aria pulita (GCARE) del Surrey, ha dichiarato:

“Sappiamo da tempo che gli spazi verdi e l’acqua possono rinfrescare le città. Tuttavia, questo studio ci fornisce il quadro più completo finora. Inoltre, possiamo spiegare il perché. Dagli alberi che forniscono ombra, all’evaporazione dell’acqua che raffredda l’aria. ”

Hanno scoperto che, sebbene il successo dipenda fortemente da fattori locali, esistono alcuni modelli generali. Tra i risultati principali, i seguenti spazi verdi e corsi d’acqua hanno raffreddato notevolmente l’aria:

  • Giardini botanici: -5°C media (variazione: da -2,2°C a -10°C)
  • Zone umide: -4,7°C in media (variazione: da -1,2°C a -12°C)
  • Giardino pluviale: -4,5°C in media (variazione: da -1,3°C a -7°C)
  • Pareti verdi: -4,1°C media (variazione: da -0,1°C a -18°C)
  • Alberi stradali: -3,8°C in media (variazione: da -0,5°C a -12°C)
  • Fattoria cittadina: -3,5°C media (variazione da -3°C a -3,9°C)
  • Parchi: -3,2°C media (variazione da -0,8°C a -10°C)
  • Serbatoi -2,9°C media (variazione da -1,8°C a 5°C)
  • Parchi giochi: -2,9°C media (variazione: da -2,8°C a -3°C)

Fino a un certo punto, più grande è il parco, maggiore è l’effetto di raffreddamento. Le città possono ottenere maggiori vantaggi collegando gli spazi verdi in “corridoi verdi”.

I progetti più ecologici possono anche eliminare le emissioni di carbonio e persino aiutare a prevenire le inondazioni.

Il professor Kumar ha detto:

“Ciò aiuterà gli urbanisti di tutto il mondo ad affrontare le sfide del riscaldamento globale. Implementando solo alcune delle misure che descriviamo, le città possono diventare più resilienti e anche i loro cittadini possono essere più sani e più felici.”

Tuttavia, il team ha anche scoperto aree del globo vulnerabili al calore, ma non aveva studiato il modo migliore per utilizzare gli spazi verdi per rinfrescarsi.

Maria de Fatima Andrade, professoressa presso il Dipartimento di Scienze dell’Atmosfera dell’Università di San Paolo, in Brasile, ha dichiarato:

“Il nostro studio conferma quanti modi ci sono per mantenere la calma. Ma rivela anche quanto lavoro resta ancora da fare. Le istituzioni di tutto il mondo devono investire nella giusta ricerca, perché ciò che risulta molto chiaro dal nostro studio è che c’è Non esiste una soluzione valida per tutti. Dipende da cosa funziona per la tua comunità.”

Lo studio è pubblicato sulla rivista L’innovazione.

Lo studio dimostra il contributo dell’Università del Surrey agli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, in particolare l’Obiettivo 11 (Città e comunità sostenibili) e l’Obiettivo 13 (Azione per il clima).

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.