venerdì 24 Maggio 2024

Il primo rilevamento di un buco nero “a singhiozzo” porta alla sorprendente scoperta del secondo buco nero che orbita attorno ad esso

2 mesi ago

Scoperto un Buco Nero “a Singhiozzo” con un Compagno Orbitante

Gli scienziati hanno individuato un raro “singhiozzo” emesso da un enorme buco nero distante 800 milioni di anni luce. Questo fenomeno ha rivelato la presenza di un secondo buco nero più piccolo in orbita intorno ad esso.

Un Comportamento Eccentrico

Il buco nero supermassiccio, il cui peso equivale a circa 50 milioni di soli, si trova nel cuore di una galassia lontana. Ogni 8,5 giorni emette gas nello spazio prima di ritornare alla calma. Questi “singhiozzi” derivano dal disco di accrescimento circolante intorno al buco nero.

Un Approfondimento Scientifico

Uno studio recente pubblicato sulla rivista “Progressi della Scienza” ha rivelato che il gas eruttato potrebbe essere causato da un secondo buco nero più piccolo che si muove attorno al buco nero principale. Questa scoperta è stata una sorpresa per gli scienziati, che hanno trovato una spiegazione convincente.

Implicazioni Strabilianti

Questa scoperta suggerisce che i dischi di accrescimento attorno ai buchi neri potrebbero ospitare una varietà di oggetti cosmici, tra cui altri buchi neri e stelle. Questo amplia la nostra comprensione di come i buchi neri interagiscano all’interno dei sistemi stellari.

Prospettive Future e Ipotesi

Secondo i ricercatori, il buco nero supermassiccio potrebbe un giorno assorbire il suo compagno buco nero in una fusione, forse migliaia di anni nel futuro. Questo evento potrebbe svelare nuovi dettagli sulle dinamiche dei buchi neri nell’universo.

Scoperta di un buco nero supermassiccio nel dicembre 2020

Recentemente, gli astronomi hanno individuato un enorme buco nero grazie ad un’esplosione di luce proveniente dal suo disco di accrescimento. L’evento, chiamato ASASSN-20qc, ha reso una zona del cielo 1.000 volte più luminosa per quattro mesi.

Osservazioni tramite telescopio a raggi X sulla ISS

Successivamente, osservazioni dettagliate tramite un telescopio a raggi X sulla Stazione Spaziale Internazionale hanno rivelato cali periodici nei dati, simili a quando un pianeta oscura temporaneamente la luce di una stella. Questi “singhiozzi” del buco nero hanno intrigato gli scienziati.

Un duo di buchi neri con rapporto di massa estremo

Il buco nero secondario, definito come intermedio, ha una massa stimata tra 100 e 10.000 volte quella del Sole. Questo rapporto di massa incredibilmente estremo tra i due buchi neri li rende un sistema binario unico nel suo genere, sfidando le conoscenze attuali.

Prospettive future e il ruolo dell’ESA

I ricercatori prevedono di osservare il sistema nei prossimi mesi, confrontandolo con altri sistemi simili. La speranza è che il telescopio europeo LISA possa rilevare altri buchi neri con differenze di massa estreme come questo, aprendo nuove frontiere nella comprensione del cosmo.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.