martedì 21 Maggio 2024

La misteriosa rotazione di Betelgeuse potrebbe essere un’illusione cosmica causata dalla sua enorme superficie “bollente”.

2 mesi ago

La possibile illusione cosmica della rotazione di Betelgeuse

Uno studio suggerisce che la presunta rapida rotazione della stella Betelgeuse potrebbe essere un’illusione ottica, attribuibile alla sua superficie “bollente”. Questo risolverebbe un antico enigma scientifico riguardante la sua velocità rotazionale.

Una stella gigante dal mistero affascinante

Betelgeuse è una supergigante rossa incredibilmente massiccia, mille volte più grande del Sole. La sua grandezza la rende una delle stelle più imponenti dell’universo, estendendosi oltre l’orbita di Giove se posta al posto del Sole.

Una stella luminosa e in evoluzione

In quanto una delle stelle più luminose nel cielo notturno, Betelgeuse è facilmente individuabile nella costellazione di Orione. Nonostante la sua giovane età di 10 milioni di anni, sta esaurendo le sue riserve di idrogeno e si prepara a esplodere in una supernova spettacolare nel futuro.

Le prospettive di Betelgeuse

Le osservazioni recenti hanno mostrato una presunta rotazione veloce di Betelgeuse. Tuttavia, i ricercatori ipotizzano che questo fenomeno potrebbe essere un’irradiazione ottica dovuta alla sua intensa superficie, sfatando così l’apparente enigma della sua velocità rotazionale.

Scoperta inattesa su Betelgeuse: bolle di gas anziché rotazione stellare

Un nuovo studio suggerisce che la rapida variazione di luminosità di Betelgeuse potrebbe non essere causata dalla sua rotazione, ma da bolle di gas massicce che si muovono sulla sua superficie.

Nel dettaglio, i ricercatori ipotizzano che le osservazioni di ALMA potrebbero essere dovute a questo fenomeno piuttosto che alla rotazione della stella.

Secondo lo studio, condotto dagli esperti in astrofisica stellare dell’Istituto Max Planck in Germania, le oscillazioni sulla superficie di stelle come Betelgeuse possono creare effetti visibili come il cambio di luminosità.

Simulazioni al computer confermano l’ipotesi

Utilizzando simulazioni al computer, i ricercatori sono riusciti a modellare il comportamento della superficie delle supergiganti rosse come Betelgeuse. Queste simulazioni mostrano un’anomala variazione nella forma della stella rispetto alle aspettative.

Se osservate tramite strumenti come ALMA, tali movimenti potrebbero essere erroneamente interpretati come rotazioni stellari anziché flussi di gas sulla superficie.

Ulteriori approfondimenti in corso

Sebbene l’ipotesi delle bolle di gas rappresenti al momento solo una teoria, i ricercatori stanno esaminando dati più dettagliati su Betelgeuse per confermarla. Se confermata, potrebbe spiegare fenomeni simili osservati su altre supergiganti rosse.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.