domenica 19 Maggio 2024

L’insostenibile vaghezza della “professionalità” medica

2 mesi ago

L’evoluzione del concetto di professionalità medica

Joel Bervell, studente di medicina alla Washington State University, riflette sul concetto di professionalità medica ispirato da “Grey’s Anatomy”. Tuttavia, scopre che la realtà è più complessa e sfaccettata.

Dal momento dell’ingresso alla facoltà di medicina, agli studenti viene insegnata l’importanza della professionalità medica e dei valori che essa comporta. Questa responsabilità diventa parte di loro fin dai primi giorni di formazione.

La valutazione della professionalità medica diventa cruciale nel corso degli anni di studio. Gli studenti vengono valutati non solo sulle competenze tecniche, ma anche sul comportamento e sulle capacità di comunicazione.

La sfida della definizione di “professionale”

Il concetto di “professionale” può variare notevolmente da persona a persona. Ciò che può essere considerato “non professionale” può generare interpretazioni soggettive e comportamenti inaspettati.

Situazioni come abbracciare un superiore, indossare abiti considerati non idonei o esprimere opinioni politiche possono essere interpretate come comportamenti non professionali, complicando ulteriormente il concetto.

Dal codice etico al codice di abbigliamento

Gli alti ideali che il signor Bervell ha incontrato il suo primo giorno sono più in linea con il modo in cui la professionalità era stata originariamente concepita, ha affermato il dottor David C. Leach, che è stato direttore esecutivo dell’ACGME dal 1997 al 2007.

A quel tempo, la medicina era a un bivio. Le aziende giganti stavano accaparrandosi pratiche individuali e trasformandole in imprese a scopo di lucro. I medici hanno visto diminuire il tempo trascorso con i pazienti e i pazienti hanno visto diminuire la qualità delle loro cure.

“C’era una crescente percezione pubblica che i medici fossero proprio come tutti gli altri: cercavano solo di fare soldi”, ha detto il dottor Matthew Wynia, un esperto di etica medica che studiava l’etica dell’assistenza gestita in questo periodo. “Il timore era che si perdesse il nostro senso di professionalità”.

In risposta, il consiglio ha deciso di definire una serie di competenze generali:

Etica e apparenza nella pratica medica

Secondo un recente articolo nel New England Journal of Medicine, la consulente Adaira Landry ha evidenziato come regole ambigue possano danneggiare le persone di colore nel settore medico.

La ricerca indica una disparità nel trattamento dei residenti di colore rispetto ai loro colleghi bianchi, con alti tassi di licenziamento e disciplina non uniforme.

Queste regole strette spesso escludono studenti provenienti da background diversi, creando un ambiente ostile per chi non si conforma agli stereotipi tradizionali del dottore.

La sfida dell’inclusione

La Dott.ssa Landry sottolinea come le restrizioni rigide possano penalizzare studenti di minoranza, spesso licenziati per conflitti personali mascherati da questioni professionali.

Questa tendenza è evidente nei dati che mostrano come i residenti neri siano più a rischio di essere espulsi rispetto ai loro colleghi bianchi, anche in assenza di motivi legati alle prestazioni accademiche.

Un’analisi critica del sistema di disciplina medica è necessaria per garantire un ambiente inclusivo e professionale per tutti gli studenti.

La centralità della professionalità nella formazione medica

Le competenze che un medico in formazione deve dimostrare per progredire nel percorso professionale sono fondamentali.

Il significato della professionalità nel mondo medico

La professionalità rappresenta uno dei pilastri essenziali della pratica medica, sottolineando l’importanza della fiducia e dell’etica nell’assistenza ai pazienti e nel ruolo del medico nella società.

La sfida di definire e misurare la professionalità

Definire e misurare la professionalità è stato a lungo un compito complesso per i responsabili della formazione medica, dato il suo carattere astratto e multidimensionale. Questo ha generato sfide nell’implementare criteri oggettivi e uniformi.

L’evoluzione degli standard di professionalità

Negli anni, i dibattiti sull’abbigliamento dei medici e sulle interazioni sociali hanno evidenziato la mutevole percezione della professionalità nel contesto medico, portando a una costante riflessione e ridefinizione degli standard.

La professionalità nell’era dei social media

L’avvento dei social media ha introdotto nuove sfide riguardo alla professionalità, con l’analisi dei profili online dei medici in formazione che possono contribuire a plasmare le idee su comportamenti idonei e non idonei.

Una valutazione critica della professionalità

L’identificazione di comportamenti non professionali attraverso l’analisi dei social media solleva interrogativi sull’impatto di tali attività sulla reputazione e sull’integrità dei medici in formazione, richiamando l’attenzione sull’etica digitale.

La nuova concezione di professionalità

Come ha appreso il dottor Robinson, la professionalità va oltre il contesto clinico o accademico. Gli insegnanti avevano messo in guardia sul ruolo dei social media, sottolineando che gli studenti di medicina rappresentano la professione in ogni contesto.

L’attivismo sui social media

Il signor Bervell ha sfidato le convenzioni con video su TikTok che evidenziavano i pregiudizi razziali negli strumenti medici, guadagnandosi il soprannome di “sfata-miti medici”. Le sue azioni hanno ottenuto riconoscimenti da importanti entità come l’American Medical Association e la Casa Bianca.

Un nuovo paradigma di professionalità

Pur consapevole che il suo attivismo sui social media possa essere interpretato come poco professionale secondo gli standard accademici, Bervell crede fermamente che combattere le disparità razziali nell’assistenza sanitaria sia parte integrante del suo ruolo di futuro medico.

La sfida della professionalità

La concezione di professionalità rappresenta una sfida per chiunque esca dagli stereotipi tradizionali, come dimostrato anche dal caso delle valutazioni sul vestiario nel campo medico. La dott.ssa Robinson ha reagito pubblicamente a tale discriminazione sui social media, influenzando il dibattito e ottenendo risultati tangibili.

Il potere dei social media nel contesto medico

La dott.ssa Robinson ha risposto alle critiche riguardo alla professionalità pubblicando una foto in bikini sui social media con l’hashtag #MedBikini. La sua azione ha suscitato un ampio dibattito sull’uguaglianza di genere nel settore medico e ha portato al ritiro di un documento discriminatorio.

Nelle scuse ufficiali, i redattori della rivista hanno riconosciuto l’importanza di affrontare le questioni di sessismo nel campo medico e di ridefinire i concetti di professionalità per adeguarsi a una società più inclusiva e diversificata.

La medicina alla prova del cambiamento

La professione medica, storicamente influenzata da uomini bianchi ed eterosessuali, è ora chiamata a considerare la diversità della forza lavoro e dei pazienti.

La trasformazione della conoscenza medica

Con l’avvento di piattaforme come TikTok e Twitter, il modo in cui la conoscenza medica viene condivisa è radicalmente mutato, sfidando i principi tradizionali della professione.

Le sfide della moderna professionalità medica

Secondo il dottor Leach, la professionalità è definita dalla ricerca della verità, dall’interesse prioritario per il paziente e dalla capacità di prendere decisioni cliniche creative basate sulla migliore scienza e sui dettagli individuali.

Per lui, questo concetto va ben oltre il semplice codice di abbigliamento professionale.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.