martedì 21 Maggio 2024

Gli Stati Uniti potrebbero impiegare 2 mesi e 1.000 soldati per costruire un molo galleggiante per fornire aiuti a Gaza, afferma il Pentagono

2 mesi ago

Costruzione di un Molo Galleggiante per Gaza

Il Pentagono prevede di impiegare due mesi e 1.000 soldati per costruire un molo galleggiante che fornirà aiuti vitali a Gaza, secondo quanto riportato da fonti ufficiali.

Tempistiche e Dimensione dell’Operazione

Secondo il segretario stampa del Pentagono, Magg. Gen. Patrick Ryder, la costruzione del molo e della strada rialzata richiederà almeno un mese, forse due, per essere pienamente operative. Si stima che saranno impiegati fino a 1.000 militari statunitensi per completare l’operazione.

Misura Straordinaria per Affrontare l’Emergenza Umanitaria

Questa iniziativa di lungo termine è la risposta dell’amministrazione Biden alla grave situazione umanitaria che colpisce i palestinesi a Gaza. L’obiettivo è ampliare un corridoio marittimo per fornire assistenza direttamente dall’esterno.

Frustrazione e Pressioni Internazionali

L’amministrazione statunitense sta aumentando la pressione su Israele per riconoscere l’urgenza della crisi umanitaria a Gaza. Il molo militare statunitense è solo una delle misure messe in atto dalla comunità internazionale per alleviare la situazione, con oltre due milioni di persone in gravi difficoltà.

Risposta Rapida degli Stati Uniti

La decisione degli Stati Uniti di creare un molo galleggiante è giunta dopo l’invio di pasti aerei a Gaza. Queste azioni mirano a evitare una crisi umanitaria imminente in un territorio dove il cibo scarseggia e il sistema sanitario è al limite del collasso.

Un piano per aiutare la Striscia di Gaza

Un corridoio marittimo gestito dagli Stati Uniti potrebbe portare sollievo alla popolazione bisognosa della Striscia di Gaza, ma le attuali risorse sono ancora insufficienti per soddisfare completamente i bisogni alimentari di due milioni di palestinesi.

Un molo galleggiante gestito dagli Stati Uniti

Un molo galleggiante verrà gestito dal governo degli Stati Uniti e costruito dalle forze armate statunitensi al largo della costa di Gaza, per facilitare lo scarico degli aiuti umanitari provenienti da navi appartenenti a varie nazioni.

Un’operazione logistica complessa

Il molo consentirà lo scarico degli aiuti che saranno poi trasportati verso Gaza attraverso una strada rialzata costruita dall’esercito statunitense. Questa operazione coinvolgerà anche partner regionali per garantire la distribuzione efficace degli aiuti.

Supporto militare per l’operazione umanitaria

La 7a brigata dei trasporti Langley Eustis è stata incaricata di fornire supporto per questa operazione di aiuto umanitario. Il personale militare americano si occuperà della logistica, mentre il trasporto degli aiuti fino a Gaza sarà gestito da partner regionali.

Il ruolo di Fogbow nell’operazione di soccorso

Fogbow, un’organizzazione che coinvolge ex militari e membri delle intelligence statunitensi, è coinvolta nello sviluppo del piano. Internamente chiamato “Piano Blue Beach”, l’obiettivo è garantire una distribuzione efficiente degli aiuti alla popolazione bisognosa di Gaza.

Qatar investe 60 milioni di dollari nel corridoio marittimo

Un funzionario del Qatar ha annunciato alla CNN un investimento di 60 milioni di dollari nel corridoio marittimo. Fogbow gestirà le operazioni, trasportando gli aiuti che arriveranno da Cipro fino a Gaza per la distribuzione.

Partnership pubblico-privata per il corridoio marittimo

Il funzionario qatariota ha sottolineato l’impegno nel sostenere il corridoio marittimo. Si prevede che ogni giorno 200 camion carichi di aiuti via chiatta arriveranno a Gaza da Cipro. Il Qatar ha confermato un sostegno finanziario significativo.

Trattative degli Stati Uniti per partecipare al progetto

Un funzionario degli Stati Uniti ha dichiarato che sono in corso trattative con diverse organizzazioni per contribuire al progetto, ma al momento nulla è stato formalizzato.

Sfide e necessità operative nella distribuzione degli aiuti

Le sfide nell’operazione sono notevoli. Poiché gli Stati Uniti escludono l’invio di truppe a Gaza, è in corso la ricerca di partner per ricevere e distribuire gli aiuti nella Striscia.

Iniziativa degli Stati Uniti per un molo temporaneo

Il presidente Biden ha ordinato un’operazione di emergenza per istituire un molo temporaneo sul Mediterraneo per ricevere aiuti vitali. La missione esclude l’invio di truppe americane sul terreno.

Controllo delle navi e gestione degli aiuti

Saranno presenti operatori umanitari per gestire gli aiuti al momento dello sbarco. Tutte le navi dovranno essere controllate preventivamente per garantire la sicurezza, hanno dichiarato i funzionari.

Programma pilota per un corridoio marittimo alternativo

Un programma pilota, guidato dagli Emirati Arabi Uniti, inizierà a operare questo fine settimana per fornire aiuti a Gaza. L’iniziativa coinvolge una nave anfibia più piccola, sviluppata in collaborazione con la World Central Kitchen.

Situazione umanitaria a Gaza: l’apertura del corridoio marittimo

La World Central Kitchen sottolinea la fluidità della situazione marittima a Gaza, separando il loro impegno dall’annuncio di Biden.

Intensificazione delle discussioni sul corridoio marittimo

Le criticità nell’invio degli aiuti umanitari a Gaza hanno spinto le autorità a considerare l’apertura di un corridoio marittimo oltre ai valichi terrestri.

La necessità di un flusso continuo di aiuti

Gli operatori umanitari ribadiscono l’importanza di un costante flusso di aiuti a Gaza, evidenziando l’efficacia degli attraversamenti via terra.

Pressioni degli Stati Uniti su Israele

L’amministrazione Biden ha esercitato pressioni su Israele per aprire ulteriori valichi di aiuti a Gaza, incontrando inizialmente resistenze.

Aumento della crisi umanitaria e violenze

Nonostante la crescente crisi umanitaria a Gaza, le richieste di apertura dei valichi per gli aiuti non sono state inizialmente accolte, portando a tragiche conseguenze.

Condanna internazionale e pressioni su Israele

Il presidente e il vicepresidente degli Stati Uniti condannano Israele per non aver incrementato gli aiuti a Gaza, esercitando pressioni sul governo israeliano.

Annuncio di un nuovo attraversamento terrestre

Un alto funzionario americano ha rivelato la preparazione di un nuovo attraversamento terrestre nel nord di Gaza da parte del governo israeliano, senza specificarne la posizione esatta.

Accesso facilitato agli aiuti umanitari nel nord di Gaza

Il terzo passaggio ora aperto consentirà una distribuzione più agevole degli aiuti nella parte settentrionale di Gaza, dove la popolazione è in una condizione di estrema necessità. Questa iniziativa è stata accolta con grande favore da parte di un funzionario che ha dichiarato che le prime consegne avverranno nelle prossime settimane.

Appello per maggiori valichi di frontiera

La Coordinatrice Senior delle Nazioni Unite per gli aiuti umanitari e la ricostruzione a Gaza, Kaag, ha sottolineato la necessità di aprire più valichi di frontiera per facilitare il passaggio degli aiuti. Attraverso una sola o due vie di accesso, la distribuzione risulta estremamente limitata, soprattutto in una situazione di grande difficoltà come quella attuale a Gaza.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.