martedì 21 Maggio 2024

Organoidi cresciuti dal liquido amniotico potrebbero far luce sulle malattie rare

3 mesi ago

Organoidi dal liquido amniotico: una nuova prospettiva sulle malattie rare

Cellule prelevate dal liquido amniotico attorno ai feti sono state utilizzate per creare organoidi, imitazioni in 3D di tessuti che potrebbero svelare nuove informazioni sulle malattie congenite.

Studi e Progressi

Ricercatori hanno coltivato organoidi da cellule polmonari, renali e intestinali provenienti dal liquido amniotico di 12 gravidanze. Questo metodo innovativo potrebbe permettere di personalizzare futuri trattamenti prenatali.

Utilizzo e Prospettive

Gli organoidi, generalmente ottenuti da biopsie, sono ora coltivati direttamente da cellule viventi del liquido amniotico. Questo approccio potrebbe aprire nuove strade nella comprensione e cura delle malattie in fase prenatale.

Coltivazione e Applicazioni

La coltivazione degli organoidi dalle cellule del liquido amniotico offre vantaggi in termini di tempo e complessità, rispetto alle biopsie. Questi organoidi sono utilizzati per studiare varie patologie e reazioni a farmaci.

Ricerca e Sfide

Nonostante i progressi, la ricerca sul tessuto fetale rimane complessa a causa dell’accesso limitato alle cellule. Utilizzare il liquido amniotico come fonte di cellule vive potrebbe essere una svolta etica e pratica in questo campo.

Metodi e Procedimenti

L’estrazione dei campioni dal liquido amniotico è avvenuta tramite amniocentesi o drenaggio, procedure comuni durante le cure prenatali. Questa metodologia permette di studiare le cellule in fasi avanzate dello sviluppo fetale.

Conclusioni e Progetti Futuri

Isolare le cellule epiteliali dal liquido amniotico e crearne organoidi potrebbe portare a nuove scoperte e approfondimenti sulle malattie congenite. La ricerca in questo ambito promette sviluppi significativi nel campo della medicina prenatale.

Organoidi coltivati da tre organi: intestino tenue, reni e polmoni

Un team di ricercatori ha coltivato organoidi da tre tipi di organi umani: intestino tenue, reni e polmoni. Le cellule sono state trasferite in un mezzo gel dove si sono moltiplicate e cresciute, mantenendo le caratteristiche proprie di ciascun organo.

Modellazione di ernia diaframmatica congenita

Oltre agli organoidi simili ai tessuti, i ricercatori hanno modellato l’ernia diaframmatica congenita (CDH), un disturbo dello sviluppo del diaframma. Utilizzando cellule provenienti da campioni affetti dal disturbo, hanno ottenuto importanti risultati di modellazione.

Possibilità future e potenzialità cliniche

La ricerca non è ancora pronta per essere applicata in ambito clinico, ma gli organoidi ottenuti dall’amniocentesi potrebbero essere utilizzati in futuro per selezionare trattamenti personalizzati. Attualmente, solo il tessuto epiteliale dei tre organi è stato trasformato con successo in organoidi.

Limiti e nuove sfide

Alcuni disturbi congeniti potrebbero coinvolgere strati di tessuto più complessi, come le cellule mesenchimali, il che potrebbe rappresentare una sfida. Modellare organi che non rilasciano cellule nel liquido amniotico, come cervello o cuore, potrebbe risultare difficile secondo gli esperti.

Valutazioni e confronti futuri

Sarà importante valutare l’efficacia degli organoidi rispetto alla malattia e testare la risposta ai farmaci. Confronti con organoidi derivati da altre fonti saranno fondamentali per determinare l’utilità di questa tecnica in ambito clinico.

Prospettive e ricerche future

I prossimi passi includeranno testare le capacità degli organoidi CDH nel modellare la malattia e confrontare i risultati con dati clinici. Questo aiuterà a capire meglio l’utilità degli organoidi e potrebbe aprire nuove strade per la ricerca nel campo della medicina rigenerativa.”

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Don't Miss

Dumping, saccheggio e schiavitù: perché lo sfruttamento dell’alto mare deve finire

Dumping, Sfruttamento e Schiavitù in Alto Mare Il concetto di “alto mare”

Il ramo perduto da tempo del Nilo scorreva vicino alle piramidi

Un’alimentazione ricca di grassi correlata a forme di tumori Uno studio su