mercoledì 22 Maggio 2024

Il digiuno intermittente di 8 ore è legato a un rischio maggiore del 90% di morte cardiovascolare, suggeriscono i primi dati

2 mesi ago

Il digiuno intermittente e il rischio cardiovascolare

Uno studio ha rivelato che il digiuno intermittente, che limita le ore di cibo consumate ogni giorno, è associato a un aumento del 91% del rischio di morte correlata al cuore. Questo implica una finestra di alimentazione di 8 ore o meno, rispetto a una più comune di 12-16 ore.

La ricerca preliminare presentata dall’AHA

La nuova ricerca è stata discussa durante l’EPI Lifestyle Scientific Sessions 2024 dell’American Heart Association. Lo studio ha coinvolto oltre 20.000 adulti statunitensi seguiti per circa otto anni, evidenziando un’allerta sull’uso del digiuno intermittente.

Le valutazioni degli esperti

Gli esperti sottolineano l’importanza di adottare un approccio attento al digiuno intermittente. È ancora presto per determinare se la durata del digiuno o il tipo di alimenti consumati incidano maggiormente sul rischio di mortalità. L’attendibilità dei risultati è attesa con la pubblicazione completa dello studio.

“Ci sono molte incognite”

Secondo Cristoforo Gardner dell’Università di Stanford, seguire una dieta di bassa qualità durante il digiuno è possibile. L’insufficienza nutrizionale potrebbe colpire coloro con finestre di alimentazione ridotte, portando a dubbi sulla ricerca attuale ancora incompleta.

Benefici e rischi del digiuno intermittente

Lo schema del digiuno intermittente, che limita l’assunzione alimentare a una finestra temporale specifica ogni giorno, può comportare una durata tra le quattro e le 12 ore. Studi precedenti hanno evidenziato benefici a breve termine sulla salute cardiovascolare, come la resistenza insulinica.

Dettagli dello studio

Nello studio partecipavano circa 20.000 persone, di cui 414 con finestre temporali di alimentazione inferiori a 8 ore al giorno. Non era prevista una dieta specifica, ma le abitudini alimentari sono state valutate tramite due sondaggi auto-compiledove i partecipanti hanno registrato tutto ciò che consumavano in periodi di 24 ore.

Lo Studio sul Digiuno e il Rischio Cardiovascolare

Uno studio ha identificato un legame tra il digiuno entro finestre alimentari di otto ore e il rischio di morte cardiovascolare. Tuttavia, non è stato possibile stabilire se questo regime alimentare ha causato direttamente le morti, mostrando solamente una correlazione.

Le Dichiarazioni dell’Autore Principale

L’autore principale dello studio, il professore Victor Wenze Zhong, ha rivelato che coloro che limitavano il pasto entro 8 ore al giorno avevano un rischio più alto di morte cardiovascolare rispetto a coloro con una finestra di pasto più lunga.

Associazione con Malattie Cardiache

Limitare l’assunzione alimentare a un breve periodo di tempo era collegato a un aumento del rischio di morte cardiovascolare, specialmente tra persone con cancro o malattie cardiache. Partecipanti con malattie cardiache preesistenti avevano un rischio del 66% più elevato di morire di patologie del cuore o ictus.

Opinioni della Dottoressa Wendy Bennett

La dottoressa Wendy Bennett, esperta di medicina presso la Johns Hopkins University, ha sottolineato la necessità di esaminare attentamente gli approcci dietetici che promuovono il consumo in finestre temporali limitate. Uno studio del genere solleva dubbi sui presunti benefici del digiuno intermittente come strategia di perdita di peso efficace.

Considerazioni sul Digiuno Intermittente

Zhong ha raccomandato cautela riguardo al digiuno intermittente, specialmente per chi ha problemi cardiaci o patologie tumorali. È presto per fare raccomandazioni specifiche basate solo su questo studio, sottolineando la necessità di ulteriori approfondimenti sulla sua influenza sulla salute cardiovascolare.

Limitazioni dello Studio e Nuove Ricerche

Lo studio presenta limitazioni legate alla auto-segnalazione dei partecipanti e al monitoraggio della dieta. Non sono stati considerati i dettagli sulla qualità nutrizionale o le ragioni dietro la pratica del digiuno intermittente. È essenziale esplorare ulteriori popolazioni per valutarne gli effetti a lungo termine.

Interesse per i Risultati Completi

Gli esperti sottolineano che, nonostante l’interesse suscitato dalla ricerca, ci sono ancora molte incognite da risolvere prima di trarre conclusioni definitive sui benefici e rischi del digiuno intermittente. L’attenzione è ora rivolta ai risultati completi dello studio per una comprensione più approfondita della questione.

Il digiuno intermittente e le sue possibili conseguenze negative

Il digiuno intermittente, acclamato come strategia per il controllo del peso, potrebbe avere implicazioni negative secondo Zia Cinzia, una docente di psichiatria che studia i disturbi alimentari all’Università della Carolina del Nord.

Uno degli aspetti negativi è il potenziale impatto sulle relazioni familiari e sociali, quando il regime alimentare di una persona non coincide con quello dei suoi cari.

Il rischio legato ai disturbi alimentari e al bilancio energetico

Per individui predisposti geneticamente a disturbi alimentari, periodi prolungati di digiuno potrebbero portare a uno squilibrio energetico negativo, favorendo l’insorgenza di tali disturbi.

Importanza di un approccio informativo

È essenziale approcciare il digiuno intermittente con consapevolezza dei potenziali rischi e consultare sempre un professionista prima di intraprendere qualsiasi cambiamento significativo nella propria alimentazione.

Questo articolo ha uno scopo puramente informativo e non sostituisce il parere medico. Consulta sempre un esperto per valutare le tue scelte alimentari e di stile di vita.

Invia le tue domande sul corpo umano

Se hai curiosità sul funzionamento del corpo umano, invia le tue domande a community@livescience.com con oggetto “Health Desk Q” e potresti trovare la risposta sul sito web!

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.